Il portafoglio


O006_NOSEDA_COVER_15X21_25062018 copiaRacconto pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. Trae spunto da un fatto realmente accaduto qualche anno fa. Durante un viaggio in treno in uno scompartimento di prima classe, un manager è costretto ad assistere alle effusioni di una giovane coppia distesa comodamente sul divano opposto al suo. Dopo avere bevuto un caffè bollente servito da uno strano addetto, cade addormentato. Al risveglio il portafoglio e la coppia sono scomparsi. Chi l’avrà alleggerito. Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Il portafoglio

Giorgio, un manager milanese quarantacinquenne, era di ritorno da Buenos Aires via Francoforte e Zurigo dove avrebbe preso il treno per Milano. Era stato a Buenos Aires per la chiusura di un contratto con un gruppo alimentare americano con importanti attività in Argentina. Lì era rimasto il suo vice, ingegnere, per concordare gli allegati tecnici. Era febbraio, in quei giorni la pianura padana era avvolta dalla nebbia che impediva atterraggi e decolli all’aeroporto della Malpensa. Per questa ragione aveva deciso di prendere il treno da Zurigo a Milano. Il volo Lufthansa era partito da Buenos Aires alle 16.55 e, dopo lo scalo a Francoforte, era atterrato in orario a Zurigo, alle 17.20 del giorno seguente. Dall’aeroporto aveva raggiunto direttamente la stazione ferroviaria con il treno navetta. Il treno per Milano era partito puntuale alle 19.09. L’arrivo alla stazione centrale era previsto dopo circa quattro ore.

Salito sul treno, Giorgio entrò in uno scompartimento di prima classe dove si ritrovò ad essere l’unico passeggero. Sedette vicino al finestrino in direzione della marcia del treno. Ad Arth Goldau, la seconda stazione dopo la partenza, entrò nello scompartimento una coppia. Lei snella, sui trent’anni, bruna con una grande capigliatura nera. Lui, biondo, ben vestito, con una barba leggera e occhiali di tartaruga con montatura spessa. Entrati, salutarono, lui con un cenno del capo, lei con un sorriso, e posero voluminose e pesanti valigie sul ripiano portabagagli. Una volta seduti di fronte sul divano a tre posti, si misero a parlare sommessamente. Giorgio cercò di captare qualche parola per capire da dove venissero. L’atteggiamento della ragazza era di grande apprezzamento per le parole del compagno. Si abbracciarono e a poco a poco finirono distesi sul divano, una di fianco all’altro. All’inizio Giorgio segui distrattamente le loro effusioni poi, con un po’ di imbarazzo, soprattutto per la sfacciataggine, chiuse gli occhi e si mise a pensare alla moglie e ai figli ai quali aveva portato un regalino. Rilassato, si appisolò.

Subito dopo, così gli parve, arrivarono a Bellinzona dove il treno si fermò qualche minuto. Erano appena ripartiti quando la porta dello scompartimento si aprì e si affacciò un viso sorridente di colore ambrato che chiese gentilmente se qualcuno volesse un caffè. I due erano troppo impegnati per rispondere. Giorgio, che aveva cenato in aereo poco prima di arrivare a Francoforte e fatto uno spuntino sulla tratta Francoforte Zurigo, pensò che un caffè caldo gli avrebbe fatto bene. “Quale caffè?”, chiese. “Moka bello caldo”, fu la risposta. Giorgio accettò, prese il portafoglio dalla tasca interna caffè, pagò il caffè ma non poté berlo subito tanto era bollente. Lo fece raffreddare un po’ sul tavolino. Mentre sorseggiava il caffè la performance dei due passò a uno stadio più avanzato. Le carezze e le effusioni divennero più evidenti, al limite della decenza. Sempre più imbarazzato si mise a guardare fuori dal finestrino. Le montagne innevate scorrevano veloci davanti ai suoi occhi, illuminate dalla luna che le faceva scintillare. A poco a poco, con lo scorrere del paesaggio, il rumore ritmico delle ruote del treno sulle rotaie e il caffè caldo, si appisolò, nonostante facesse il possibile per non addormentarsi, e cadde in un sonno profondo.

Si svegliò di soprassalto quando il treno stava ripartendo da Lugano. Non si era neanche accorto che il treno si era fermato. I due libertini erano scomparsi, così come le loro voluminose valigie. Valigie? Alzò subito gli occhi per vedere se c’era ancora il suo trolley e, soprattutto, se non fosse scomparsa la borsa con i documenti. Tutto a posto, per fortuna! Si stava mettendo tranquillo quando si ricordò del portafoglio nella tasca interna della giacca. Era stato in dubbio se rimetterlo dopo avere pagato il caffè ma aveva pensato che sarebbe stato come dire ai due amanti “non mi fido di voi”. E non lo fece. Fece male, perché il portafoglio era scomparso. Fermò il capotreno che stava passando in quel momento, spiegò l’accaduto, fece presente i suoi sospetti nei confronti dei due passeggeri che erano con lui nello scompartimento. Il capotreno disse di averli visti scendere a Lugano e che, comunque, furti come quello che aveva subito erano all’ordine del giorno. Disse: “Molte volte i malintenzionati, una volta rubate le banconote, gettano il portafoglio nei cestini dei corridoi dei vagoni o dei bagni”. Poi aiutò Giorgio a cercare il portafoglio nei cestini del vagone, senza esito.

Arrivato a Milano alle 23.00, quasi in orario, andò a casa dove la moglie gli spiegò che era tutta colpa sua. Che ben gli stava. Non doveva bere il caffè offerto da un inserviente senza divisa. Poteva essere drogato. Non doveva tenere il portafoglio nella tasca interna della giacca appesa all’attaccapanni e, tantomeno, rimettervelo dopo avere acquistato il caffè. Avrebbe dovuto fregarsene dei due sporcaccioni. Il giorno seguente Giorgio sporse denuncia in Questura dove attese il suo turno con una moltitudine di persone che doveva denunciare, come lui, un furto. Gli avevano rubato ottocento dollari, qualche decina di euro, la patente, due carte di credito, la carta d’identità e la tessera sanitaria.

Due mesi dopo, quasi per miracolo, ricevette una telefonata dalla Questura. Lo si informava di avere ricevuto, tramite la polizia cantonale di Lugano, un portafoglio contenente un documento di identità a lui intestato. Non appena possibile, andò a ritirare il portafoglio. Non mancava nulla a parte i dollari e i pochi euro! All’appuntato che glielo stava consegnando, commentò: “Ho fatto bene a sporgere la denuncia!”. “Sì. Ma non creda. Il portafoglio le è stato restituito, senza banconote, solo perché è stato trovato presso la stazione ferroviaria di Lugano da un cittadino svizzero molto rispettabile che l’ha portato alla polizia cantonale”. “Evviva”, disse Giorgio, “ci sono ancora persone per bene!”.

Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato


E’ stato pubblicato da Youcanprint (www.youcanprint.it) il mio secondo libro di racconti intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti che riunisce racconti di contenuto vario, genuinamente prodotti dalla fantasia e basati su spunti di fatti realmente accaduti. Si può acquistare presso Youcanprint e, tra le altre, presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Feltrinelli, ibs.it.

Di seguito riporto la Premessa al libro.

Diciannove racconti inediti di vario genere dei quali cinque, i più corposi, occupano metà del libro. Il primo, intitolato Le chiavi di Portofino, è di genere poliziesco. Un furto inspiegabile viene risolto da un brigadiere dei carabinieri con l’aiuto del RIS e dei padroni di casa. Il monastero di Santa Caterina, secondo racconto, di genere storico, trae ispirazione dalla ricerca condotta su un monastero di clausura lombardo soppresso alla fine del ‘500. Il terzo racconto, Patagonia, è dedicato alla terra argentina di natura selvaggia e di paesaggi incredibili sotto un cielo sterminato di stelle che paiono caderti addosso. Il modello, il quarto, è frutto della fantasia con spunti e riferimenti tecnico-scientifici. Uno studente di fisica sperimenta con un modello la possibilità di mitigare la temperatura dell’atmosfera di una città utilizzando d’estate il freddo invernale e d’inverno il caldo estivo. La pranoterapia è il tema del quinto racconto, Il guaritore, tratto da esperienze e fatti di cronaca conditi dalla fantasia. Un avvocato si scopre pranoterapeuta e, nonostante l’opposizione della moglie, decide di cambiare professione e stile di vita.

Gli altri racconti traggono spunto da fatti realmente accaduti, a livello personale o di amici. Anche per questi, la fantasia è sempre presente, come il prezzemolo.

Patagonia, Il modello, e Tuoni e fulmini hanno ragazzi come co-protagonisti e sono idonei a essere considerati racconti tutorial.

Como. Lungo lago di notte


il dipinto digitale mostra la città di Como in una serata estiva, vista dalla località di Bignanico, posta di fronte alla città da cui è separata dal primo bacino del lago. Si notano le luci dei monumenti e degli edifici posti sul lungo lago: dal centro del dipinto andando a destra, Piazza Cavour, con la Cattedrale alle spalle, il Tempio Voltiano, il Monumento ai Caduti, lo Yacht Club. A sinistra, sulla montagna si vedono quattro luci allineate corrispondenti al percorso della Funicolare per Brunate. A destra, a mezza costa, si notano le luci della via Napoleona e della Stazione Centrale. All’orizzonte, a destra, si staglia il Castello Baradello.

Portofino. Panoramica


La fotografia, ottenuta con un iPhone settato nella posizione panoramica, è stata scattata una mattina dal monte di Portofino, al di sopra del cimitero. Anche se leggermente arrotondata, permette di apprezzare in pienezza la penisola di Portofino. A sinistra si nota la chiesa di San Giorgio, al centro il porto e il paese con le case variopinte da cui spunta il campanile della chiesa parrocchiale di San Martino. A destra, al di sopra delle ultime case del paese, nel verde della macchia mediterranea, si vede l’Hotel Splendido.

Tuoni e fulmini


o006_noseda_cover_15x21_25062018 copia

Racconto pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di portofino e altri racconti. In primavera inoltrata, durante un temporale, un nonno si trova sulla terrazza con due nipoti che lo interrogano sulla pericolosità dei fulmini e sull’origine e propagazione dei tuoni, domande cui puntualmente risponde. Spiega loro anche come calcolare la distanza di caduta dei fulmini. Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Tuoni e fulmini

Una terrazza di una casa di vacanze che domina un lago circondato da alte colline, in primavera inoltrata, stagione di forti temporali. Il paesaggio era di colore verde acceso poiché i prati, le piante e, in generale, la vegetazione, erano irrorati da frequenti piogge. Quel giorno, mentre il cielo era plumbeo verso nord est, a sud apparve una schiarita. La brezza assunse via via più forza fino a che le fronde degli alberi iniziarono a ondeggiare sotto la spinta delvento. Il lago si increspò con le ochette, piccole onde di grande frequenza. I primi goccioloni di pioggia batterono sulla terrazza come fossero proiettili. In lontananza, da dietro le montagne provenivano tuoni con rimbombi fragorosi. Un fulmine disegnò nel cielo una ragnatela incandescente. Dal paese sottostante, in riva al lago, giunse il suono di allerta delle campane per annunciare l’arrivo di un forte temporale.

Edoardo, un ragazzo di otto anni, ormai prossimo alle vacanze estive, seduto a fianco del nonno con la sorella Sofia, poco più grande di lui, domandò: “Nonno, qual è la differenza tra lampi e fulmini? Ho sentito che si chiamano anche saette”. “Pure baleni, folgori. Sono sinonimi, ovvero parole che hanno un significato sostanzialmente uguale a un’altra parola. Potete utilizzate indifferentemente tutti i sinonimi. Alcuni sono di uso comune, altri un po’ meno”. “Nonno, sono pericolose le saette?”, chiese Sofia, “A me fanno paura perché sembrano frustare l’aria. Anche i tuoni mi spaventano perché fanno un gran fracasso e mi prendono alla sprovvista”. “I fulmini sono pericolosi quando cadono vicini”, rispose il nonno. “Possono ridurre in cenere un essere vivente. Se foste colti da un forte temporale quando siete in montagna o in aperta campagna, non riparatevi sotto gli alberi, specialmente sotto pini o abeti, perché attirano i fulmini. Sfruttando il potere di attrazione delle punte, Beniamino Franklin, famoso scienziato americano vissuto nel ‘700, inventò il parafulmine, ovvero una punta di metallo capace di attrarre i fulmini e convogliarli nel terreno attraverso una grossa corda di rame”.

“Certe volte si odono tuoni fortissimi ma non si vedono i fulmini”, disse Edoardo.             “È vero”, rispose il nonno, “il fulmine si scarica nell’atmosfera propagandosi alla velocità della luce, che è di ben 300.000 chilometri al secondo. Poiché questa velocità é difficile da immaginare, per avere un’idea pensate alla circonferenza della terra che misura 40.000 km, mille volte la distanza tra Como e Milano. Bene, la luce in un secondo farebbe poco meno di otto volte il giro della terra!”. “Mamma mia”. “È incredibile”, commentarono i nipoti. “Invece il tuono”, continuò il nonno, “scaturisce quando il fulmine si scarica nell’atmosfera e si propaga nell’aria alla velocità di circa 350 metri al secondo. La velocità della luce è quindi quasi 1 milione di volte più elevata di quella del suono nell’aria. Ho detto nell’aria e non nel metallo perché la velocità del suono nel metallo, nell’acciaio, è più elevata di quella nell’aria”. “Quanto più elevata?”, chiese Sofia. “Quasi venti volte di più. Prova ad appoggiare l’orecchio a quella estremità del corrimano della ringhiera”. Poi rivolto al nipote disse: “Edoardo, colpisci l’altra estremità del corrimano con questa moneta”. Edoardo seguì le istruzioni. “Ora, Sofia, tu dovresti sentire, oltre al freddo del metallo, che il suono arriva al tuo orecchio prima attraverso il corrimano che non nell’aria”. “Nonno, posso provare anch’io?”, chiese Edoardo. “Certo. Sofia, prendi questo cucchiaino e colpisci il corrimano quando Edoardo appoggia l’orecchio. Tutto chiaro? Ora che l’esperimento è finito ritornate da me”. “Nonno, anche nei liquidi il suono va più veloce che nell’aria?”, domandò Edoardo. “Sì, nell’acqua il suono si propaga a una velocità pari a circa cinque volte quella nell’aria”. “Mi era sembrato, quando nuotavo in piscina”, commentò Edoardo.

“Tornando a tuoni e fulmini”, continuò il nonno, “quando vedete un fulmine, contate di seguito mille-uno, mille-due, mille-tre, e così via fino a quando udite il fragore del tuono. Dovete contare mille, seguito da un numero progressivo, perché mentre lo pronunciate passa suppergiù un secondo. Pensate che una volta gli artificieriutilizzavano un metodo simile quando facevano esplodere le mine. La miccia si consumava alla velocità di un centimetro ogni secondo, per cui gli artificieri, che conoscevano la lunghezza della miccia, contando allo stesso modo potevano conoscere quanto tempo avevano a disposizione per raggiungere il riparo. Ad esempio, se dopo avere visto il fulmine, arrivaste a contare mille-sette, ovvero 7 secondi, vorrebbe dire che il fulmine è caduto a una distanza in linea d’aria di circa 7 volte 350, ovvero 2.450 metri, circa 2,5 chilometri. Quindi dovreste stare tranquilli perché non sarebbe caduto così vicino”. “Ok, nonno, veramente molto interessante”, ripeté Edo-ardo. “Grazie, lo ricorderemo sempre quando assisteremo a un temporale”, confermò Sofia.

 

 

Villa D’Este. Golf Club House


Il dipinto digitale mostra la Club House del Circolo di Villa D’Este vista dall’uscita della buca #18. Il Circolo di Villa D’Este, uno dei più antichi d’Italia, fondato nel 1925, è da sempre ai primi posti per bellezza, classe, tradizione e fascino. Dispone di un percorso di 18 buche famoso per la sua bellezza e difficoltà. Nell’elegante Club House, in stile inglese, si trova un bar dove è possibile gustare ottimi drinks e un ristorante di rinomata qualità.

http://www.golfvilladeste.com

Patagonia


o006_noseda_cover_15x21_25062018 copia

Racconto pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. Vuole rappresentare un tributo all’Argentina e in particolare alla Patagonia terra di paesaggi incredibili, di natura selvaggia sotto un cielo sterminato di stelle che paiono caderti addosso. E anche il ricordo di una bella e duratura amicizia. Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Patagonia

“Nonno, guarda cosa abbiamo trovato nella libreria. Un libro con la copertina pelosa, proprio pelosa”. “E’ il Martin Fierro!”, rispose il nonno che stava scrivendo nel suo studio quando Lucio e Ginevra, due dei suoi nipoti, si avvicinarono con un libro voluminoso, con la copertina di pelle di vitello da latte, un regalo ricevuto da amici e colleghi argentini quasi cinquant’anni prima. “E’ un libro molto famoso in Argentina. Per me e la nonna rappresenta un ricordo del bellissimo tempo trascorso in quel paese tanti anni fa” “Ma … cos’è il Martin Fierro”, chiese Ginevra.                                                                 “Dovresti dire chi è, perché Martin Fierro era un gaucho, un cowboy della pampa argentina. Il libro narra la sua storia e ne esalta il carattere fiero e indipendente. È molto popolare in Argentina dove tanti considerano il gaucho l’autentico rappresentante del paese”. I nonni avevano ricevuto in regalo il Martin Fierro alla despedida, la festa di commiato che in Argentina si dà in onore degli amici che partono. Il nonno mostrò ai nipoti la pagina del libro con la lunga dedica e le firme degli amici e colleghi argentini.   “Il libro è molto bello”, disse Lucio accarezzando la copertina. “Quando siete stati in Argentina?”, chiese Ginevra. “Vedo che siete molto interessati. Pertanto, vi racconterò alcune storie dell’Argentina e della Patagonia, il territorio che occupa il cosiddetto cono sud del Sudamerica. Divisa tra Argentina e Cile, la Patagonia è grande circa tre volte l’Italia, se si include la Terra del Fuoco, la parte estrema del cono”. “Sì, nonno! Raccontale”, dissero in coro i nipoti.

“Poco meno di cinquant’anni fa, quando ero un giovane ingegnere di un gruppo italiano attivo nella produzione e commercio del cemento, fui inviato a fare esperienza presso un impianto che si trovava vicino a La Plata, la capitale della provincia di Buenos Aires. Con me c’era la nonna. Eravamo giovani, io non ancora trentenne, lei poco più che ventenne. Lì passammo venti mesi molto belli e formativi sia per il lavoro che per la vita. Avevamo tanti amici, con i quali partecipavamo a pantagrueliche grigliate di carne [asados] e passavamo lunghe serate a parlare di tutto. A quell’età, fu un’esperienza entusiasmante. Ricordo che il capodanno fummo invitati da Carlos Giuliani, un collega argentino di origine italiana, alla festa della famiglia che si teneva a Buenos Aires in casa del padre, noto imprenditore locale. Quella sera giungemmo, da italiani nordisti, puntualissimi all’appuntamento. Ci ricevettero con grande meraviglia. La festa non era ancora iniziata e gli invitati non erano ancora arrivati. Ci fecero accomodare e ci misero a nostro agio. Non sapevamo che in Argentina non si usa arrivare in orario alle feste! Dopo mezzanotte il padre di Carlos ci raccontò la storia della famiglia. Ci mostrò le fotografie di Luca, nonno di Carlos, che arrivò in Argentina nell’anno 1880 all’età di venticinque anni. Veniva dall’Abruzzo dove la numerosa famiglia aveva un allevamento di pecore, troppo piccolo per bastare a tutti. Emigrò in Argentina con un amico. Esperto di pastorizia, creò nella provincia di Buenos Aires un allevamento di pecore che incrementò molto in pochi anni. Nel frattempo, aveva sposato Lucia, la nonna di Carlos, una bella signora di origine lucana. Poi, a seguito dell’introduzione degli allevamenti bovini nella provincia di Buenos Aires – che scalzarono quelli ovini – gli interessi della famiglia si spostarono in Patagonia dove nonno Luca trasferì la numerosa figliolanza. Un luogo magnifico con spazi enormi e selvaggi battuti dai venti, che danno la sensazione di essere in una terra alla fine del mondo. Una natura maestosa e incontaminata fatta di laghi, montagne, vulcani, ghiacciai e cascate. Lì nonno Luca sviluppò ulteriormente l’attività di produzione e commercio della lana. Così nacque la fortuna della famiglia Giuliani in Argentina”. “Molto interessante, molto bravo il nonno di Carlos!”, commentò Ginevra, Lucio consenziente.

“Da quanto avete sentito”, continuò il nonno”, nacque il desiderio, di vostra nonna e mio, di fare un viaggio in Patagonia che, nei mesi in cui stemmo, non riuscimmo a visitare. Esattamente venti anni dopo il nostro rientro in Italia organizzammo, con una coppia di nostri amici, un viaggio in Patagonia e Terra del Fuoco, a cavallo di fine d’anno. Rivedemmo Buenos Aires dove avevamo passato molti week end, da soli o con gli amici. Teatro, film in lingua italiana, ristoranti di tutti i tipi e gusti, caffè, spettacoli di tango, i barrios [quartieri] di San Telmo, della Recoleta, di Palermo, le avenidas [grandi viali] con otto, dieci corsie. Il giorno dopo il nostro arrivo a Buenos Aires, Carlos organizzò un grande asado con gli amici dei vecchi tempi. Passammo una bellissima e simpatica serata. Dopo la rimpatriata, volammo per tre ore al sud per arrivare a Rio Gallegos, la capitale della provincia di Santa Cruz, nella Patagonia meridionale. L’Argentina è molto vasta, è nove volte più grande dell’Italia! In auto, percorrendo strade sterrate, dalla mattina alla sera attraversammo la Patagonia argentina dall’Oceano atlantico fino a El Calafate, sul Lago Argentino, alle pendici delle Ande. Una distesa sterminata di colline verdi e ondulate con pochi alberi, tutti con la chioma piegata, in centinaia d’anni, nella direzione del vento. Il nostro albergo era lo stesso usato dai famosi rocciatori Ragni dì Lecco quando si trovavano a El Calafate per scalare le difficili pareti delle montagne più famose delle Ande. Il giorno dopo andammo ad ammirare da vicino il grandioso ghiacciaio Perito Moreno, conosciuto in tutto il mondo. Vedemmo staccarsi dal ghiacciaio enormi ammassi di ghiaccio che, come piccoli iceberg, galleggiavano sul lago. Il giorno successivo facemmo una crociera sul lago fino agli immensi ghiacciai, un’estesa e accecante barriera all’ovest del bacino. Un altro giorno, ancora, attraversammo il confine con il Cile, presidiato da giganteschi gendarmi, con uniformi simili a quelle dei soldati tedeschi della seconda guerra mondiale, e giungemmo alle famose Torres del Paine. Uno spettacolo indimenticabile. Ritornati a Rio Gallegos, con un’ora di volo arrivammo a Ushuaia, la città più a sud della Terra del Fuoco argentina. In auto, attraversando un paesaggio da favola, raggiungemmo una estancia [grande fattoria] che ci avevano raccomandato di visitare. La proprietaria [estanciera] non c’era, Ci dissero che due giorni prima aveva lasciato l’estancia a cavallo con il gregge – 25.000 pecore! – e che sarebbe tornata dopo qualche giorno. Ci permisero egualmente di visitare l’estancia. Vedemmo i recinti [corrales] attraverso i quali le pecore sono avviate, incolonnate, al capannone [galpon] per essere tosate con macchinette elettriche. Ci spiegarono che nel capannone, la lana viene lavata ed essiccata prima di essere imballata con presse di fabbricazione tedesca, datate 1880! Toccammo così con mano l’industria della lana descrittaci vent’anni prima dal padre di Carlos. Ritornammo a Buenos Aires per una cena e un ultimo spettacolo di tango, prima di rientrare in Italia. Un viaggio magnifico che ricorderemo per sempre”.

Lucio e Ginevra avevano ascoltato il racconto in silenzio e con attenzione. “Non siete più tornati in Argentina?”, chiese Ginevra. “Sì, sei anni dopo, per una crociera in Antartide”. “Antartide?”, domandò Lucio. “Sì, il continente dove si trova il Polo Sud. Ci andammo pressappoco nello stesso periodo dell’anno, ai primi di gennaio, sempre con gli stessi amici. Arrivammo a Buenos Aires, dove ci fermammo un paio di giorni, proseguimmo con un lungo volo diretto fino a Ushuaia, nella Terra del Fuoco dove eravamo già stati nel precedente viaggio. Ci imbarcammo su una nave rompighiaccio tedesca – mi pare si chiamasse Bremen, con 160 passeggeri e 120 persone di equipaggio – e attraversammo tranquillamente, di notte, lo stretto di Drake, che separa il Sudamerica dall’Antartide, fino alla penisola antartica. Lì arrivati, raggiungemmo alcune isole, completamente coperte di neve e ghiacci, navigando su gommoni pilotati dal personale della nave. Sulle isole visitammo colonie di migliaia di pinguini – una grande puzza di guano, i loro escrementi -, vedemmo cormorani e altri uccelli marini, foche, trichechi, leoni ed elefanti marini. Un grande spettacolo! In Antartide alcune nazioni dispongono di basi stabili raggiungibili anche con aerei dotati di pattini. Attraccammo al pontile di una base argentina e la visitammo in lungo e in largo. Durante la crociera vedemmo anche paesaggi lunari, grigi come il piombo. Navigavamo nei canali tra le isole e la terraferma frantumando con il rompighiaccio il leggero strato solido che ricopriva la superficie del mare. Ricordo che al ritorno a Ushuaia attraversammo nuovamente lo stretto di Drake, questa volta con il mare molto agitato. Tranne me e qualche altro, tutti i passeggeri soffrivano il mal di mare e si erano rifugiati in cabina. Sebbene non sia un gran marinaio, raggiunsi la plancia di comando da dove assistetti con emozione allo spettacolo della prua che si inabissava nel mare per poi riemergere con prepotenza dalle onde.

Da Ushuaia volammo a Bariloche, località di montagna, anche sciistica, a circa 1.500 chilometri a sud-ovest di Buenos Aires, invitati da Alberto, vecchio amico ed ex compagno di università. Con Alberto e Dora, la moglie, facemmo un’escursione in battello sul lago. Immaginate il lago di Como, come poteva essere migliaia d’anni fa, libero da paesi sulle rive e sulle pendici dei monti. Da Bariloche volammo a Buenos Aires dove Carlos organizzò in nostro onore una simpatica cena con gli amici dei vecchi tempi e le mogli. Con Carlos sono rimasto sempre in contatto, oggi via mail”. “Una bella e lunga amicizia”, conclusero in coro i nipoti.

La cumbia e il rock


o006_noseda_cover_15x21_25062018 copiaRacconto pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. Trae spunto da un fatto realmente accaduto qualche anno fa. Un ingegnere texano di Houston si trova a La Paz per un incontro di lavoro. Fa conoscenza con una bella ragazza uruguaiana e tra i due nasce grande simpatia. La invita al ristorante dell’hotel dov’è alloggiato e dopo una lauta cena perde conoscenza mentre si scatena in un rock nella discoteca dello stesso albergo. Si risveglia con una maschera d’ossigeno mentre viene accompagnato in camera dal personale dell’albergoLe chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

La cumbia e il rock

Non tutti conoscono La Paz, la capitale amministrativa della Bolivia, fondata dai conquistadores spagnoli nel 1548, ai tempi della colonizzazione delle Ande. In origine fu detta Nuestra Señora de La Paz per commemorare il ripristino della pace. È una città piena di contrasti dove il mix di culture, tra cui la spagnola e l’indigena, crea un’atmosfera magica. Si trova a un’altitudine media di 3.650 metri sopra il livello del mare ed è la capitale più alta nel mondo.

L’Hotel Camino Real, cinque stelle, si trova nelle vicinanze di un grande parco, non distante dal centro. Lì Ray Carter, ingegnere minerario texano sui quarant’anni, si registrò un martedì di aprile, a fine mattinata, dopo essere atterrato all’aeroporto internazionale di El Alto. Era partito da Houston il pomeriggio del giorno precedente. Il giorno dopo l’arrivo gli era stato fissato un appuntamento con il direttore generale del Ministero delle risorse minerarie. Scopo dell’incontro ottenere maggiori informazioni su una gara indetta per lo sfruttamento di un campo del giacimento di litio di Uyuni, il più grande del mondo, con una superficie pari al 3% dell’Italia. Secondo riviste specializzate, sotto il lago salato di Uyuni, si troverebbe addirittura la metà delle riserve mondiali di litio!

Dopo il check-in in albergo, un ragazzo lo guidò alla camera, molto spaziosa ed elegante. Per riprendersi dal lungo viaggio fece una doccia e si sdraiò sul letto per una siesta. Si svegliò alle quattro del pomeriggio. Chiese al servizio in camera un club sandwich e una birra, si vestì con jeans, camicia e golf, prese un taxi e si fece portare alla Plaza Mayor, nel centro della città, dove sedette a un caffè all’aperto. Al tavolino vicino sedeva una bella ragazza bruna sui trent’anni, che stava leggendo con attenzione una guida turistica. Vistasi osservata, la ragazza accennò un leggero sorriso che Ray scambiò per un invito a scambiare quattro chiacchiere. “Mi chiamò Ray, texano di Houston”, disse, “lavoro nel settore minerario. Mi trovo qui, per la prima volta, per affari. Mi fermerò un paio di giorni”. Le chiese se conoscesse luoghi caratteristici della città da visitare. Lei disse di chiamarsi Selene, uruguaiana, turista, da due giorni a la Paz dopo avere visitato Sucre, l’altra capitale della Bolivia. “La guida”, precisò, “cita, da non perdere, la Cattedrale, il Museo Nacional de Etnografia y Folklore, il mercato centrale, Plaza Murillo, dove si trovano il Palacio Legislativo e il Palacio Presidencial, e il Mirador Killi Killi, un punto panoramico da cui si gode una vista della città a 360 gradi”. Prima che scendesse la sera, decisero di andare insieme al Mirador che si trova su una collina non distante dal centro. Una vista mozzafiato sulla città e sui monti che la circondano tra cui l’Illamani che si staglia imponente con le tre cime sempre innevate. I custodi del Mirador spiegarono loro che il nome dell’osservatorio deriva da un piccolo uccello rapace che un tempo viveva da quelle parti. Selene era molto carina e si trovavano bene insieme. Ray pensò di invitarla a cena al ristorante del Camino Real. La ragazza accettò volentieri e disse che si sarebbe trovata nella hall dell’hotel alle 20.00, dopo essersi cambiata d’abito.

Puntualissima, Selene si presentò con un vestito molto elegante, con una scollatura vertiginosa che colpì immediatamente la fantasia di Ray. Si sedettero a un bel tavolo d’angolo, ordinarono una cena coi fiocchi e bevvero ottimo vino rosso spagnolo. La conoscenza si era rapidamente trasformata in amicizia e, secondo Ray, in qualcosa di più. Decisero di andare alla discoteca dell’hotel, una delle meglio frequentate della città, pregustando entrambi quanto sarebbe seguito. Ray volle ballare la cumbia, una danza a coppie accompagnata da musica popolare colombiana. Poi si scatenò in un rock fino a quando, senza rendersi conto, perse conoscenza. Si svegliò con una maschera d’ossigeno sul volto mentre il personale dell’hotel lo accompagnava in camera. Selene era scomparsa. Si era dileguata pensando a un infarto. Sconcertata e preoccupata, non voleva essere coinvolta.

La mattina seguente Ray era tornato in forma a seguito di una lunga e pesante dormita, un caffè bollente e una doccia giusta. Andò all’appuntamento con il direttore generale del Ministero ed ebbe tutte le informazioni per le quali era andato a La Paz. Al Ministero incrociò l’addetto commerciale dell’ambasciata americana, pure lui texano, di Dallas, che, sentito il racconto della serata, gli raccomandò: “Se vuoi fare l’amore a La Paz devi bere tè di coca e non vino. Dovresti cenare leggero, per esempio con una trota di lago che, tra l’altro, qui è molto buona. Non dovresti andare in discoteca a ballare in modo sfrenato come hai fatto ma, piuttosto, dovresti andare direttamente in camera con l’amica. In ogni caso, per prudenza, sarebbe meglio avere a portata di mano una maschera di ossigeno!”

350 corbellerie e freddure


Da pochi giorni é stato pubblicato da Youcanprint (www.youcanprint.it), in edizione cartacea ed eBook, 350 corbellerie e freddure, un libro divertente e snello scritto a quattro mani con mio fratello Marco.

Corbellerie, colte dai discorsi di persone particolarmente fertili nel produrre spontaneamente storpiature e strafalcioni inimmaginabili. Miniere da coltivare con discrezione, in modo che non si rendano conto di essere seguite. Disturbate e imbarazzate, smetterebbero di produrre il loro nettare. Altri spunti provengono da articoli di giornale, da riviste e, addirittura, dall’eloquio di giornalisti televisivi. Altre ancora sono parto della fantasia.

Estendendo i limiti della ricerca, alle corbellerie abbiamo unito alcune freddure. In realtà, il confine tra corbellerie e freddure è molto sottile. Una freddura può essere considerata corbelleria quando da frase scherzosa si trasforma in uno strafalcione vero e proprio. Viceversa, una corbelleria può diventare una freddura quando lo strafalcione si stempera in uno spiritoso gioco di parole.

350 corbellerie e freddure è disponibile in edizione cartacea ed eBook presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it,

Di seguito l’INDICE del libro con i gruppi di corbellerie e freddure.

Premessa

Corbellerie

Auto

Casa e Arredamento

Eventi/Fatti

Farmacia

Media

Medicina e Chirurgia

Modi di dire e Detti

Natura

Personaggi

Piccanti e Osé

Politica

Proverbi

Relazioni

Religioni

Ristorazione

Storia

Surreali

Turismo

Freddure

… e, come esempio, un estratto delle corbellerie contenute nel gruppo

Relazioni

All’intervallo ci vediamo nel “foie gras”

Basta! Vi state “coagulando” contro di me!

Credi di avere sempre ragione. Non essere “settica”!

Da qualche tempo sei veramente “aggredente”!

Dai ascolto a me: non è paranoica, è solamente “pisicopatica”

Devi “rallentare” la tensione

Dice che ha tre “ozioni” per la copertina del libro

È sempre “caostico” in quello che fa

È un gran maleducato: mi ha “postrofato” con parole volgari

Ha causato un grande “patè” d’animo ai genitori

Ho aperto un conto corrente al Monte dei “Pascoli” di Siena

Ho urtato la sua “sciuscettibilità”

In regalo mi ha portato un “cabaret” di paste

La loro amicizia si è “inclinata” irrimediabilmente

Mi fai proprio “indivia”

Mi ha regalato un bel “bucché” di fiori

Mi ha trattato come una “pizza” da piedi

Mi presti un “lapiz”?

Non essere troppo “astringente” nelle conclusioni!

Non si preoccupi signora, è una domanda di “roulette”

Perché ti “contrasdici” sempre?

Ringrazio per l’“invitazione” ma ho già un impegno

Sei un “mefisticatore” diabolico, ecco cosa sei!

Sii deciso. Non “trincheggiare”!

Sono molto “orogoglioso” di te

Ti aspetto con “ansa”

Ti sei ricordato di pubblicare il “nerologio” sul Corriere?

Vuole fare sempre la mosca “nocchiera”

L’editing dell’indice e dell’estratto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.