Il monastero di Santa Caterina


O006_NOSEDA_COVER_15X21_25062018 copiaRacconto inedito di genere storico pubblicato sul libro intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. Alla fine del ‘500, in occasione di una visita apostolica a un monastero di clausura di montagna, una badessa cerca di tenere nascosto al vescovo visitatore l’esistenza di due monache incinte, temendo conseguenze per il monastero e per lei stessa. Una monaca è però costretta ad ammettere al vescovo d’esserne a conoscenza. Le due monache confessano di avere infranto il voto di castità e vengono punite severamente, così come tocca a due giovani, colpevoli di averle ingravidate. Il visitatore raccomanda la soppressione del monastero, a causa della vulnerabilità e fatiscenza, e richiede che le monache siano trasferite in città ad altro monastero. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Il monastero di Santa Caterina

Siamo nel 1577, tredici anni dopo la conclusione del Concilio di Trento. Sessant’anni prima Martin Lutero aveva affisso le 95 tesi riformatrici al portone della chiesa di Wittenberg. La Chiesa aveva reagito prima con il contrasto a Lutero, poi con la scomunica. Nel 1545 papa Paolo III aveva aperto a Trento i lavori del Concilio, reso necessario per definire la riforma della Chiesa, detta poi Controriforma, e la reazione alle dottrine protestanti. Il Concilio tridentino aveva dato grande impulso alle diocesi imponendo ai vescovi la presenza nelle proprie sedi e l’effettuazione di visite pastorali. Per testimoniare quanto avvenuto nelle visite fu richiesta la redazione di relazioni o atti. Dalla lettura di alcuni di questi è stato tratto lo spunto per questo racconto.

Regnava grande attesa per l’arrivo del visitatore apostolico al monastero di clausura di Santa Caterina, posto ai margini di Montebello, piccolo paese dell’Appennino modenese. Al monastero era annessa una chiesa, che fungeva anche da parrocchiale del paese, costruita alla fine del ‘200 da due monaci benedettini. Nel 1330 i monaci, con il consenso degli anziani del paese, avevano ceduto le cure della chiesa a due monache francescane alle quali si erano affiancate altre consorelle. Insieme avevano dato vita al monastero aggiungendo nuove costruzioni in relazione all’aggregazione di altre consorelle. Le monache avevano abbracciato la regola di sant’Agostino ed erano diventate agostiniane di clausura. Il monastero, dedicato a Santa Caterina d’Alessandria, vergine e martire, era noto per avere ospitato molti cittadini di Modena e dintorni fuggiti dalle loro abitazioni durante la peste che afflisse il modenese nel 1529. Le cronache del tempo scrissero che il 24 giugno in Modena erano rimasti pochissimi cittadini di rango elevato: el pare una cità vedova per tanti che sono andati a stare de fora in villa, e poveri asai sono serati in casa per suspeto … e andande per la cità non se vede se non usci inchiodati, e strade sbarate e pagni fora de amorbati. La Comunità non può atrovare tanti dinari che facia le spese ali impestati per tanto numero che sono. Addirittura, il 29 giugno i monaci del monastero di San Pietro non avevano officiato la festa del santo perché il monastero era in sospetto di peste. Per lo stesso motivo non era stata celebrata la festa di San Giovanni Battista.

Nel medioevo il paese era stato il borgo della Torre di Montebello, distrutta ai tempi di Federico Barbarossa, l’imperatore tedesco incoronato re d’Italia alla metà del 1100. Si diceva che la Torre fosse sorta dove si trovava una torre di avvistamento costruita dai Romani nel 200 a.C. quando la potenza di Roma si era affacciata per la prima volta sulla pianura padana, allora patria dei Galli Boi che l’avevano invasa duecentocinquanta anni prima. Sin dai tempi antichi le vallate degli Appennini furono sorvegliate da torri che comunicavano tra loro a vista, con bandiere di giorno e fuochi di notte. Le torri furono edificate in posizioni strategiche e quella della Torre di Montebello era senza dubbio tra le più rilevanti. Dalla sua posizione a balcone era possibile disporre di una vista di ampiezza superiore a centottanta gradi. Come successo in altre circostanze, fu attinto alle rovine della Torre per ricavare materiale per la costruzione della chiesa e del monastero. Così la chiesa fu edificata in quel luogo per l’abbondanza di materiale di costruzione, nonostante fosse distante dal centro del paese. Conglobata nei manufatti del convento, la Torre divenne il campanile della chiesa.

Alla metà del ‘500 il paese di Montebello contava circa 350 anime ed era suddiviso in tre nuclei disposti ai vertici di un triangolo, il centro e due frazioni poste in posizione più elevata. La popolazione era equamente distribuita tra i tre nuclei del paese, ciascuno rappresentato e guidato da un console eletto con gli altri due, ogni tre anni, dall’adunanza degli anziani riunita nel piazzale antistante la chiesa.  A turno, per la durata di un anno, ciascuno dei consoli fungeva da primus inter pares. Nel centro del paese c’era la piazza, con due osterie, una locanda, il fornaio, uno spaccio e la casa del parroco, che non poteva essere ospitato nel monastero. Negli atti delle visite pastorali si legge che il centro distava mezzo miglio dal convento e per raggiungerlo si attraversavano campi coltivati a frumento. Il passaggio non doveva essere sempre agevole in tutte le stagioni.

La chiesa, di pianta rettangolare, orientata da ovest a est, aveva a quest’ultima estremità tre absidi che formavano una croce. L’abside principale, con il Redentore affrescato sulla volta, ospitava l’altare maggiore. Nei due absidi laterali vi erano gli altari dedicati alla Beata Vergine – sul lato dell’Epistola – e a San Michele arcangelo – sul lato del Vangelo. La porta principale della chiesa si trovava sulla facciata prospiciente il piazzale. Sopra la porta vi era un dipinto che rappresentava il martirio di Santa Caterina. Il monastero, adiacente alla chiesa, guardava a sud verso la pianura. Secondo le regole dei monasteri di clausura, la chiesa era suddivisa in chiesa esterna, per la popolazione del paese e chiesa interna, un coro sopraelevato con accesso diretto dal monastero, dal quale le monache assistevano alla messa attraverso una grata di ferro oscurata da un drappo nero. Le monache potevano accedere dal monastero alla chiesa esterna attraverso una porta loro riservata, una volta inibito l’ingresso al popolo. Il monastero aveva l’aspetto di un grande caseggiato, essendo stato ampliato in relazione all’aggregazione delle monache, cresciute nel tempo da poche unità a trentadue. Cintato da un muro di pietre e calce alto quasi tre metri, il monastero comprendeva un grande orto, posto su due balze, dove le monache coltivavano ogni tipo di verdura e ortaggi, un grande frutteto, un pozzo, una stalla con tre mucche da latte e un’asina. Adiacente all’edificio vi era un grande pollaio con decine di galline che producevano uova la cui qualità era rinomata in tutto il paese.

Il monastero di Santa Caterina era conosciuto per la salubrità del luogo posto a 630 metri di altitudine. Anche per questo molte monache erano figlie o nipoti di famiglie abbienti della diocesi di Modena, destinate ai monasteri così come i figli cadetti erano avviati alla carriera ecclesiastica e militare. Madre Agnes de Lucini, la badessa, era l’inflessibile regolatrice della vita nel monastero e guida spirituale delle monache cui la clausura imponeva di non avere contatti con il mondo esterno. Oltre alla badessa, erano autorizzate a interagire con persone esterne al monastero la madre portinaia e, in via eccezionale, la madre addetta agli acquisti di quanto necessario e alle vendite dei prodotti del monastero, verdura, frutta, uova, latte, polli. In un locale non distante dall’ingresso vi era il parlatorio dove le monache autorizzate dalla badessa potevano incontrare i parenti sotto la sorveglianza di un’altra monaca, allo scopo delegata. La visitata era separata dai parenti da una grata di ferro coperta da un drappo nero che ne lasciava intravvedere soltanto la sagoma. Qualsiasi oggetto, vivanda o altro, che i parenti avessero voluto fare avere alla monaca doveva essere consegnato alla madre portinaia per essere aperto in presenza della badessa, una volta terminata la visita. Le monache non potevano disporre di alcuna proprietà. Dovevano depositare in una stanza del monastero, all’uopo destinata, ogni oggetto, gioiello, vestito, ricordo della vita secolare, pena la violazione del voto di povertà. Inoltre, qualsiasi scritto destinato alle monache doveva essere letto in presenza della badessa o di una decana dalla stessa delegata. Allo stesso modo la risposta allo scritto doveva essere redatta in presenza delle stesse, che avrebbero provveduto alla consegna al destinatario.

Le monache giovani si dedicavano alla coltivazione e raccolta delle verdure dell’orto e della frutta (pere, mele, albicocche, pesche, fichi, uva, noci, nocciole, fragole, lamponi, mirtilli e ribes) che, per la grande varietà, era disponibile in molti mesi dell’anno. Altre monache si dedicavano alla stalla e alla mungitura, altre alla cucina o alle pulizie all’interno e all’esterno degli edifici, altre ancora alla sartoria e guardaroba, oppure alla riparazione dei sandali e degli zoccoli. Il monastero era autosufficiente sotto ogni aspetto, a meno della disponibilità di farina per il pane e di carne e pesce, di cui si faceva uso in rare occasioni. Le monache dovevano osservare strettamente la Regola di Sant’Agostino. Salvo deroghe disposte da madre Agnes, tutte le monache dovevano prendere parte alle liturgie dal primo mattino al calare del sole. Momenti di aggregazione erano il pranzo e la cena quando le monache si riunivano in silenzio nel refettorio, un grande locale con tre tavole disposte a ferro di cavallo. Alla tavola centrale sedevano madre Agnes e le decane ordinate secondo anzianità, mentre le due tavole laterali erano occupate dalle altre monache più o meno distanti dal tavolo principale in relazione all’anzianità. A turno una di queste leggeva passi del vecchio e del nuovo testamento.

La vita nel monastero procedeva senza grandi problemi e novità quando, proprio qualche giorno prima dell’arrivo del visitatore apostolico, fu turbata da un fatto, anzi due fatti gravi, che misero in grande agitazione Madre Agnes. Una decana le aveva riferito di avere saputo da una sorella che madre Matilde aveva accusato capogiri e nausee durante il lavoro e aveva dato di vomito. Anche madre Agata aveva dato simili manifestazioni. Proprio come fossero incinte! Madre Matilde, al secolo Ernesta Corradini, era la seconda figlia di un onorato consigliere del comune di Modena, avviata fin da piccola, come era in uso a quei tempi, alla vita monastica. Anche madre Agata, al secolo Giuseppina Malagoli, era figlia di uno dei maggiori commercianti della città. Perciò la badessa avrebbe dovuto essere cauta nel giudicare le due sorelle e trattare la questione con attenzione in modo da non provocare uno scandalo che sarebbe stato dannoso al monastero e a lei stessa. Convocò le due monache, separatamente, alla presenza della decana, e chiese loro se avesse fondamento la notizia della gravidanza. “Se corrispondesse a verità, avreste commesso la grave violazione del voto di castità, passibile di una punizione molto severa”. Entrambe risposero che erano state ingravidate da un malintenzionato che negarono di conoscere e, tantomeno, di potere riconoscere perché il fatto era stato commesso di notte, nell’oscurità della cucina. La badessa, sebbene non avesse creduto ai racconti, non riuscì ad ottenere niente di più dalle due monache e, per non sollevare un vespaio proprio prima della visita apostolica, tenne riservata la notizia pregando la decana di mantenere il più stretto riserbo. Il giorno seguente, la preoccupazione di Madre Agnes aumentò perché la notizia delle monache incinte era trapelata nel monastero. La badessa non riusciva a trovare una spiegazione perché era convinta che la clausura fosse ben protetta dalle tentazioni provenienti dall’esterno. Per evitare lo scandalo e l’irrogazione di provvedimenti disciplinari anche nei suoi confronti, la badessa raccomandò a tutte monache la massima riservatezza. Non avrebbero dovuto parlare di gravidanze con il visitatore apostolico e i suoi accompagnatori a meno che non fosse stata loro diretta una domanda esplicita.

Due giorni dopo, a metà mattina giunse al Sanctae Caterinae Montebellj Monasterium Monialium Ordinis S. Augustini il visitatore apostolico, mons. Giovanni Oliva, vescovo di Chieti, inviato da papa Gregorio XIII. Scopo principale della visita era verificare la corretta applicazione delle disposizioni del Concilio di Trento e degli ordini lasciati nel 1574 da mons. Sisto Visdomini, vescovo di Modena, durante la visita pastorale. Il visitatore fu ricevuto con tutti gli onori da madre Agnes e dalle decane. Per propiziare il felice esito della visita fu celebrata una messa accompagnata dal canto sublime delle monache. Subito dopo, il vescovo prese visione delle condizioni del monastero. Osservò che la manutenzione era piuttosto scadente. Gli fu risposto che ciò era dovuto alla scarsità dei mezzi a disposizione. Dopo la ricognizione, la badessa offrì nel refettorio un pranzo in onore del visitatore apostolico. Il vescovo e il vicario generale del vescovo di Modena, che l’accompagnava, sedettero al tavolo con la badessa e le decane. Gli accompagnatori pranzarono in altro locale allo scopo predisposto nell’ala del convento usata cinquant’anni prima per ospitare i fuggitivi dalla peste. Quel giorno le monache pranzarono, in via eccezionale con pesci arrostiti con salsa di fave e arrosto di carne con piselli e patate. Il vescovo si congratulò per la qualità della cucina.

Nel primo pomeriggio iniziarono le interrogationes, ovvero le interviste alla badessa e ad alcune monache, scelte a caso tra le presenti nel monastero, allo scopo di disporre di una visione d’insieme e, indirettamente, della conferma delle risposte che avrebbe dato la badessa. Per la prima volta il visitatore apostolico avrebbe utilizzato un questionario, predisposto ad hoc per la visita. La badessa fu chiamata a dare conto del buon governo, dell’entità dei redditi del monastero e di eventuali abusi nella loro amministrazione. Inoltre, le vennero rivolte domande inerenti alla vita religiosa della comunità monastica quali: possesso e osservanza della Regola anche in relazione alla conoscenza e alla recita degli uffici divini, alla vita comunitaria, ai digiuni e alle penitenze. Madre Agnes rispose senza esitazioni a tutte le domande del vescovo evitando di sfiorare il noto argomento. Il visitatore passò poi a esaminare tre monache scelte a caso rivolgendo loro domande riguardanti l’obbedienza alla badessa, l’onestà, la continenza rispetto alla clausura, la frequenza della comunione e della confessione, i contatti con il mondo esterno. Sebbene esistesse una grande preoccupazione per la condotta morale della comunità, il questionario non prevedeva domande esplicite sul tema delle gravidanze bensì il quesito: “Non ha mai avuto sentore di gravidanze all’interno del monastero?”. A questa domanda le prime due intervistate risposero negando. La prima perché non ne era effettivamente a conoscenza, la seconda mentendo, per seguire strettamente le indicazioni della badessa. La terza intervistata non riuscì a mentire, cercò di sviare il discorso rispondendo che non era a conoscenza di che cosa fosse una gravidanza perché la sua condizione non glielo consentiva. Allora il vescovo, da buon padre, le precisò: “Figlia mia, le avevo fatto tutt’altra domanda. Le avevo chiesto se avesse avuto notizia di gravidanze di monache all’interno del monastero”. A questo punto la monaca reticente dovette per forza ammettere di essere a conoscenza di una gravidanza in atto. Allora il vescovo chiese a madre Agnes di intervistare tutte le monache, compito che fu assegnato al vicario generale. Ciò comportò la modifica del programma della visita che era previsto terminasse a fine pomeriggio. Fu così necessario dare ospitalità al vescovo e alla comitiva. Allo scopo fu destinata la stessa ala dell’edificio dove avevano pranzato gli accompagnatori, dotata di solo accesso dal giardino. Alla fine degli interrogatori, che durarono tutta la giornata seguente, le due monache incinte furono nuovamente interrogate dal vescovo in presenza della badessa. Entrambe confermarono di non conoscere il malintenzionato che le aveva ingravidate e di non poterlo riconoscere perché i misfatti erano stati commessi di notte, nell’oscurità della cucina. Di conseguenza il visitatore volle che fosse compiuta un’ispezione approfondita per verificare le possibilità di accesso al monastero, cosa che fu immediatamente eseguita da due zelanti accompagnatori. Fu trovato che alcuni rami di un noce sporgevano oltre il muro di cinta del monastero in modo tale che un malintenzionato si sarebbe potuto aggrappare per scavalcare il muro. Una volta entrato nell’orto avrebbe attraversato il grande prato per raggiungere il pollaio dove una porta, chiusa dall’interno, comunicava direttamente con la cucina del monastero. Sentito questo, il vescovo diede ordine di tagliare il noce e, per sicurezza, tutti gli alberi vicini al muro di cinta. Inoltre, chiese di murare la porta che dalla cucina conduceva direttamente al pollaio. Le monache cuciniere vi sarebbero entrate passando all’esterno.

Dal canto suo madre Agnes dichiarò di non essere stata messa a conoscenza delle gravidanze. Il visitatore le lasciò il compito di dare una punizione esemplare alle due monache con la sola disposizione che, una volta partorito, fossero trasferite al monastero agostiniano di San Candido nella diocesi di Chieti. Lui stesso avrebbe dato direttive in tal senso. La badessa comminò alle due monache la stessa punizione. Fino alla data del parto sarebbero state esclusivamente destinate alle pulizie del monastero, ad attingere e distribuire l’acqua del pozzo per i fabbisogni della comunità e alla raccolta dell’immondizia e degli escrementi delle monache. Infine, il vescovo, resosi conto della situazione generale del monastero ubicato in luogo isolato e poco sicuro, con una chiesa non propriamente suddivisa tra interna e esterna, come espressamente disposto dal Concilio per le chiese dei monasteri di clausura, decise di raccomandarne la chiusura e chiedere al vescovo di Modena, superiore diretto della badessa, il trasferimento delle monache a un monastero della città. Lasciò i seguenti ordini: Essendo questo monastero non solo in luogo si può dire solitario ma secolare forma di clausura, oltre che nella chiesa si esercita la cura delle anime, Ill.mo Rev. Vescovo faccia in modo che si trasferisca alla Città e si uniscano le monache ad altri monasteri dello stesso Ordine, il che quando così al presente per qualche legittimo impedimento non si possa fare, non si manchi in questo modo di procedere alla risoluzione delle cose che ci sono parse degne di presentare rimedio.

La visita apostolica durò tre giorni e due notti. Nel primo pomeriggio del terzo giorno la comitiva lasciò il monastero. Il vescovo salutò le monache raccomandando loro di seguire scrupolosamente la Regola, di essere più diligenti nelle proprie cose e di attenersi alle indicazioni del breviario romano per quanto riguarda i canti, che dovevano essere ben eseguiti, soprattutto la mattina. Raccomandò, inoltre, che fossero solamente la portinaia e la superiora ad andare alla porta d’ingresso in qualsiasi situazione e che non lasciassero entrare alcuna persona nel monastero senza necessità. E in nessun caso dessero nel monastero ospitalità o cibo ad alcuno, soprattutto di notte.

Una volta che il vescovo ebbe lasciato il convento, madre Agnes decise di investigare a fondo il fattaccio per scoprire il gaglioffo che aveva ingravidato due delle sue monache. L’accesso al monastero non era concesso a nessuno tranne in casi eccezionali da lei stessa disposti. Chi avrebbe potuto commettere un così grave misfatto? Madre Ermenegilda, decana e madre tesoriera, fu incaricata da madre Agnes di investigare a fondo il caso. Parlò con la madre portinaia che le confermò di non avere aperto ad alcuno che non fosse stato autorizzato. Non poteva però escludere che qualcuno fosse entrato, tempo addietro, nelle due settimane in cui fu ammalata. In quel lasso di tempo si erano avvicendate al suo posto altre due monache. Madre Ermenegilda le intervistò.  Una di queste ricordò che ci furono alcuni giorni in cui il forno del monastero non funzionava e la cottura del pane, preparato dalle cuciniere, era stata affidata al fornaio del paese. “Ricordo che il figlio del fornaio, Luigi, venne a ritirare la massa da cuocere e lo feci entrare nel monastero”. “Non sai che l’ordine è di non fare accedere nessuno senza autorizzazione della badessa?”, replicò la decana. Percorrendo il vialetto del giardino Luigi aveva raggiunto la cucina ed era entrato dalla porta che dava sul cortile. Ritirata la massa da cuocere era ritornato al cancello. “L’avete accompagnato?”. “Sì, all’andata, non al ritorno perché il percorso era facile da compiere a ritroso”. “Quanto tempo si fermò in cucina?”. “Cinque minuti, poco più, così mi pare, ma non ci feci gran caso”. “Ritornò altre volte al monastero?”, incalzò madre Ermenegilda. “Sì, per tre o quattro giorni, fino a quando il forno fu riparato”. “Entrarono altri nel monastero mentre supplivi alla madre portinaia?”. “Mi pare di ricordare che entrarono due ragazzini per consegnare un attrezzo per la raccolta delle albicocche”. “Quanti anni ha il figlio del fornaio?”. “Ad occhio”, rispose la monaca, “direi pochi più di venti”. “Ah”, commentò la madre tesoriera, “non ci voleva!”.

Le monache in cucina erano cinque. Tutte le monache dovevano essere in grado di svolgere qualsiasi mansione e, come previsto dalla prassi, si alternavano in cucina ogni mese. Facendo un po’ di conti sulla gestazione delle due monache, madre Ermenegilda calcolò che il fattaccio doveva essere stato commesso qualche mese prima, al tempo in cui il forno era in riparazione. Giunse così alla conclusione che il colpevole del misfatto avrebbe potuto essere il figlio del fornaio. Di uno dei misfatti o di entrambi? E se sì, come e quando? Una delle monache incinte, madre Matilde, era di turno come cuciniera il mese in cui era avvenuto il fattaccio. Il turno dell’altra, madre Agata, era stato molto tempo prima. Come poteva essere accaduto? Allora la madre tesoriera convocò madre Matilde. Sebbene non avesse alcuna prova, le disse di essere certa che a ingravidarla era stato Luigi, il figlio del fornaio, e le intimò di confessare la verità. Esitando, la giovane monaca confermò che sì, era stato Luigi, da lei conosciuto quando la cottura del pane fu affidata al fornaio nei giorni in cui il forno era stato in riparazione. A seguito dei suoi complimenti e avance aveva acconsentito a un primo appuntamento, poi seguito da altri tre. “Quattro volte!? Dove?”, chiese madre Ermenegilda. “In cucina”. “Quando?”. “Di notte, quando tutte dormivano”. “Come?”. “Luigi scalava la cinta del convento aiutandosi con i rami di un noce che penzolavano sulla strada al di là del muro. Raggiungeva il pollaio ed entrava dalla porta che collega il pollaio alla cucina … la lasciavo socchiusa perché non facesse rumore”. “Per altre tre volte!?”, incalzò madre Ermenegilda. “Sì, a distanza di una settimana una dall’altra. Ci davamo appuntamento una volta per l’altra”. “E a madre Agata, come è successo?”. “Non so, dovrebbe chiedere a lei. So che la penultima sera in cui incontrai Luigi, madre Agata mi vide uscire dal cubicolo e mi seguì fino alla cucina. Si nascose, vide tutto e, quando Luigi se ne andò, mi affrontò e mi ricattò. Voleva provare anche lei la stessa estasi che aveva visto in me”. “Con Luigi?”, chiese con enfasi la decana. “Con lui o con un altro di bell’aspetto come lui”.

Fu così che la settimana seguente madre Matilde raccontò a Luigi l’accaduto di quella notte. Gli disse che gli voleva bene ma non se la sentiva di continuare e gli chiese di trovare un amico fidato per Agata che … voleva provare anche lei.  Luigi rispose che l’avrebbe detto a suo fratello Claudio. Loro stessi fissarono l’incontro di Claudio con Agata per la settimana seguente, con le stesse modalità. Madre Ermenegilda interrogò madre Agata che non poté che confessare tutto, il ricatto e gli incontri con Claudio, ben cinque, che terminarono non appena si rese conto di essere incinta. Madre Ermenegilda riferì tutto alla badessa che, con il cuore straziato dal dolore e soprattutto dalla vergogna, scrisse al vescovo visitatore chiedendo come avrebbe dovuto comportarsi, fermo restando che la punizione per le due monache era già stata comminata. Il vescovo rispose che, per evitare che lo scandalo si diffon-desse in tutto il paese e oltre, la badessa avrebbe dovuto informare il parroco di tutta la vicenda. Don Eugenio avrebbe dovuto parlarne confidenzialmente con i consoli e fare in modo che fosse il fornaio a infliggere la punizione ai due figli malintenzionati. Raccomandò che questi fossero allontanati dal paese ed entrassero a fare parte dell’esercito del duca Alfonso II d’Este. In tal senso si adoperò uno dei tre consoli del paese.

Le monache partorirono a distanza di qualche settimana l’una dall’altra. A parto avvenuto, secondo il volere del visitatore apostolico le monache furono trasferite al monastero della diocesi di Chieti. I neonati furono affidati alle cure di gente del paese, come avveniva per i bimbi esposti alla ruota del monastero.

Nel 1580, tre anni dopo le vicende qui raccontate, le monache dovettero abbandonare il monastero di Santa Caterina a distanza di 250 anni dalla fondazione.

I figli del fornaio combatterono per la difesa e l’espansione dei confini del ducato. Claudio morì eroicamente in una sanguinosa battaglia. Luigi ne uscì ferito ma indenne. Si fece onore e divenne un glorioso ufficiale. Un giorno, deciso di avere notizie delle due monache, si recò a Chieti, al monastero di San Candido. Seppe che le monache erano state trasferite ad altro monastero di cui, però, non riuscì ad ottenere alcun riferimento.

Le chiavi di Portofino e altri racconti


Da qualche giorno è stato pubblicato da Youcanprint (www.youcanprint.it) il mio secondo libro di racconti intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. In questo articolo presento l’indice del libro con una breve sintesi di ognuno dei 19 capitoli. Alcuni di questi, evidenziati, sono già stati pubblicati sul blog nei mesi scorsi. Il libro riunisce racconti di contenuto vario, genuinamente prodotti dalla fantasia su spunti di fatti realmente accaduti.

Le chiavi di Portofino e altri racconti, disponibile presso Youcanprint, si può trovare anche presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it.

INDICE

Premessa

Diciannove racconti inediti di vario genere dei quali cinque, i più corposi, occupano metà del libro. Il primo, intitolato Le chiavi di Portofino, è di genere poliziesco. Un furto inspiegabile viene risolto da un brigadiere dei carabinieri con l’aiuto del RIS e dei padroni di casa. Il monastero di Santa Caterina, secondo racconto, di genere storico, trae ispirazione dalla ricerca condotta su un monastero di clausura lombardo soppresso alla fine del ‘500. Il terzo racconto, Patagonia, è dedicato alla terra argentina di natura selvaggia e di paesaggi incredibili sotto un cielo sterminato di stelle che paiono caderti addosso. Il modello, il quarto, è frutto della fantasia con spunti e riferimenti tecnico-scientifici. Uno studente di fisica sperimenta con un modello la possibilità di mitigare la temperatura dell’atmosfera di una città utilizzando d’estate il freddo invernale e d’inverno il caldo estivo. La pranoterapia è il tema del quinto racconto, Il guaritore, tratto da esperienze e fatti di cronaca conditi dalla fantasia. Un avvocato si scopre pranoterapeuta e, nonostante l’opposizione della moglie, decide di cambiare professione e stile di vita.

Gli altri racconti traggono spunto da fatti realmente accaduti, a livello personale o di amici. Anche in questi, la fantasia è sempre presente, come il prezzemolo.

Patagonia, Il modello, e Tuoni e fulmini hanno ragazzi come co-protagonisti e sono idonei a essere considerati racconti tutorial.

Le chiavi di Portofino

Una sera due coniugi anziani ricevono la visita dei ladri nella loro casa di vacanze mentre si trovano al ristorante con amici. Non riescono a capacitarsi di come possa essere avvenuto il furto perché le serrande della casa erano chiuse e l’allarme inserito. Svelerà il mistero un brigadiere dei carabinieri con l’aiuto del RIS e degli stessi coniugi.

La crostata di mele

Si crea confusione tra il marito e la cagnetta di una signora che chiede a un cameriere tre fette di torta.

Il crisantemo e la spada

Un ingegnere brasiliano, manager di una società di ingegneria e costruzione, impegnato in Giappone per l’acquisizione del controllo di un’azienda locale, scopre la vera natura della cultura giapponese. Ciò gli consente di concludere felicemente la trattativa entrata in stallo.

Il manuale

Il capo reparto di un importante impianto tecnologico aspira da tempo ad entrare in possesso del manuale in dotazione al tecnico tedesco che interviene per riparare i guasti all’impianto. Una volta fotocopiate, con uno stratagemma, tutte le pagine del manuale, si rende conto che avrebbe potuto averne una copia tutta per sé, semplicemente chiedendola al tecnico.

Il monastero di Santa Caterina

Alla fine del ‘500, in occasione di una visita apostolica a un monastero di clausura di montagna, una badessa cerca di tenere nascosto al vescovo visitatore l’esistenza di due monache incinte, temendo conseguenze per il monastero e per lei stessa. Una monaca è però costretta ad ammettere al vescovo d’esserne a conoscenza. Le due monache confessano di avere infranto il voto di castità e vengono punite severamente, così come tocca a due giovani, colpevoli di averle ingravidate. Il visitatore raccomanda la soppressione del monastero a causa della vulnerabilità e fatiscenza, e richiede che le monache siano trasferite in città ad altro monastero.

Reset

Resettare, ovvero ripristinare la configurazione usuale di un cellulare o di un tablet, è un’operazione che, soprattutto le prime volte, dà un po’ d’ansia anche alle persone non ansiose. Il trucco è tenere duro. Come si dovrebbe fare nella nostra vita, anche se in questo caso non appare un segnale (la melina bianca nel caso di Apple) che ci avverte che tutto andrà a posto.

Il portafoglio

Durante un viaggio in treno in uno scompartimento di prima classe, un manager è costretto ad assistere alle effusioni di una giovane coppia distesa comodamente sul divano opposto al proprio. Dopo avere bevuto un caffè bollente servito da uno strano addetto, cade addormentato. Al risveglio il portafoglio e la coppia sono scomparsi. Chi l’avrà alleggerito?

Titito mi amor

Un ingegnere italiano è impegnato nella costruzione di un impianto in Argentina, lontano dalla moglie. Invitato a pranzo dal Project Manager del cliente per seguire alla televisione la partita Italia-Argentina, per una serie di coincidenze finisce sotto le coperte con i padroni di casa. Non succede nulla, ma il ricordo di quel pomeriggio é ancora presente nella sua mente.

Patagonia

Un tributo all’Argentina e in particolare alla Patagonia terra di paesaggi incredibili, di natura selvaggia sotto un cielo sterminato di stelle che paiono caderti addosso. E il ricordo di una bella e duratura amicizia.

L’equivoco

Un manager milanese rivede dopo dieci anni una ex fiamma da lui rispettata in ogni senso durante il fidanzamento e dalla quale, causa una scivolata d’ala della madre, era stato lasciato. Si incontrano di nuovo e fanno l’amore con passione come lui avrebbe voluto se avesse potuto. Saputo il motivo dell’astinenza durante il fidanzamento, l’ex fiamma gli dà una notizia che lo lascia di sasso.

Tuoni e fulmini

In primavera inoltrata, durante un temporale, un nonno si trova sulla terrazza con due nipoti che lo interrogano sulla pericolosità dei fulmini e sull’origine e propagazione dei tuoni, domande cui puntualmente risponde. Spiega loro anche come calcolare la distanza di caduta dei fulmini.

Semplice curiosità

Al circolo, un giocatore di golf di una certa età viene invitato a giocare da un’ospite svizzero-tedesco, mancino e con la fede all’anulare sinistro. Il golfista, curioso, vuole avere conferma della religione dell’ospite che risponde dichiarandosi protestante fidanzato e non cattolico sposato, come poteva sembrare.

Il modello

Uno studente di fisica, con il consenso e supporto economico del padre, costruisce il modello di un sistema di mitigazione delle temperature per verificare la possibilità di mantenere l’atmosfera di una città alla temperatura di 20-22° durante tutto l’anno. Sperimenta positivamente il modello con il quale partecipa a un concorso per giovani inventori vincendo il secondo premio. Nonostante gli evidenti benefici in temimi di risparmio energetico e di miglioramento delle condizioni ambientali, la sperimentazione non trova pratica applicazione per l’elevato costo iniziale.

La relatività della vita

Tre amici dibattono sulla durata della vita di una farfalla e di una formica per concludere che anche la vita dell’uomo è effimera se comparata alla storia conosciuta del mondo. Pertanto, grande è l’insipienza di coloro che si comportano come fossero eterni.

La cumbia e il rock

Un ingegnere texano di Houston si trova a La Paz per un incontro di lavoro. Fa conoscenza con una bella ragazza uruguaiana e tra i due nasce grande simpatia. La invita al ristorante dell’hotel dov’è alloggiato e dopo una lauta cena perde conoscenza mentre si scatena in un rock nella discoteca dello stesso albergo. Si risveglia con una maschera d’ossigeno mentre viene portato in camera.

Moscerini pungenti

Tre amici discutono sull’origine e natura di moscerini pungenti di dimensione infinitesima che affliggono due di essi ed esprimono ipotesi sulla loro genesi.

Il guaritore

Un avvocato crede di essere in grado di guarire attraverso l’imposizione delle mani. Sebbene la moglie e il cognato medico lo scoraggino, ottiene da un’associazione qualificata la conferma di avere capacità pranoterapeutiche. Per un tempo continua ad esercitare la professione, coltivando la pranoterapia durante i weekend. A seguito degli ottimi risultati ottenuti, decide di dedicarsi esclusivamente alla nuova professione, cambiando stile di vita.

Cambio epocale

Tre amici discorrono sulla situazione di stallo creatasi a seguito del risultato delle elezioni politiche del 4 marzo 2018 che attribuiscono al cambiamento epocale nella relazione tra partiti e cittadini, elettori e simpatizzanti. Due di loro sostengono che il cambiamento sia dovuto al migliore utilizzo di internet nella propaganda elettorale da parte di tre dei cinque principali partiti in lizza, attraverso le social app.

Anni 50

Alcune rimembranze degli anni ‘50 per coloro che non hanno vissuto quei tempi affinché abbiano un’idea di come si viveva allora e possano valutare il differenziale con i tempi attuali.

Il Falco e il Gabbiano


img_20171212_0002-3

La favola fa parte del libro Dieci nuove favole illustrate. Narra la storia di un falco di lago che si perse nella nebbia inseguendo un gabbiano in riva al mare. Trovata la via d’uscita, giunse a un deserto abitato da avvoltoi che lo fecero prigioniero. Un giorno, durante la caccia del Re, salvò la vita al capo degli avvoltoi e, come premio, gli venne ridata la libertà. Sulla via del ritorno al lago incrociò il gabbiano e, questa volta, forte della sua recente esperienza, non lo insegui ma lo trattò come un amico.

Dieci nuove Favole illustrate è disponibile in edizione cartacea ed eBook presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it, L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Il Falco e il Gabbiano

Personaggi: Il falco: Chetto; Il gabbiano: Betto; Il capo degli avvoltoi: Toio; il Re

C’era una volta un falco che volteggiava sulle colline e sulla pianura in riva al mare.

I falchi sono uccelli rapaci che cacciano per nutrirsi sia piccoli animali che vivono nelle pianure e sulle montagne, sia uccelli in volo. Per cacciare le prede a terra rimangono immobili nell’aria sfruttando le correnti; dopo avere avere adocchiato una preda, si buttano in una velocissima picchiata favorita dal loro corpo a forma d’aereo, con ali lunghe e appuntite e una lunga coda.

Il nostro falco vide un gabbiano, un bellissimo uccello bianco che quando è in volo sembra un aliante, e si mise a seguirlo per cacciarlo e abbatterlo.

Il gabbiano ha un bel becco giallo, lungo e robusto, e zampe palmate come le papere e tutti gli uccelli acquatici. Vive in colonie e costruisce il nido lungo le coste del mare e dei laghi. Si nutre di pesci, uova e avanzi. Gli piacciono anche gli insetti grandi, come le libellule, e piccoli, come le formiche volanti, e i vermi.

Il gabbiano Betto, con un volo veloce ma non come quello del falco che lo inseguiva, aumentò al massimo la velocità e si buttò a capofitto in un banco di nebbia che si trovava sopra il mare. Il falco seguì il gabbiano come un razzo ma, una volta entrato nella nebbia, perse l’orientamento, e non capì più dove si trovava e dove stava andando. Dopo avere vagato inutilmente, all’improvviso vide un chiarore e capì che poteva uscire dalla nebbia. Uscì e si trovò sopra un deserto, con rocce e sabbie rossastre. Spaesato, atterrò e, subito dopo, fu avvicinato da un avvoltoio.

Gli avvoltoi sono grandi uccelli rapaci che non hanno piume sulla testa e sul collo e hanno le zampe coperte di penne fino alle caviglie. Hanno artigli che, a differenza di altri uccelli rapaci, come il falco, non sono aguzzi ma arrotondati, più adatti per camminare che per afferrare le prede.

L’avvoltoio disse al falco:

EC2C0CFD-B384-4D70-BDC6-E90798701D8D.jpeg

“Mi chiamo Toio, questa zona è sotto il controllo mio e dei miei compari che vedi su quell’albero. Dimmi chi sei, da dove vieni e perché sei qui”.

C47A9183-6E96-437A-B360-2BEEFAB238D5.jpeg“Il mio nome è Chetto, sono un falco di lago, vengo dalla pianura, che si trova al di là della nebbia, dopo avere attraversato il mare. Non riesco a ritornare a casa, nonostante i miei tentativi. Sono qui per caso: stavo cacciando un gabbiano e senza accorgermi sono stato avvolto dalla nebbia da cui sono uscito seguendo un chiarore”.

“Sei sicuro di ciò che stai dicendo? Non racconti frottole? Magari sei venuto a caccia di topi del deserto e di animaletti simili che so che vi piacciono molto!”.

“Assolutamente no, è come ti ho detto. Non voglio rimanere qui ma tornare a casa”.

“Per ora non se ne parla. Rimarrai qui con noi per deliziarci con i tuoi volteggi e picchiate. Noi siamo uccelli pesanti e un po’ goffi e non abbiamo la tua abilità nel volo”-

A sentire questo Chetto si rattristò ma, non avendo alternative, dovette accettare senza fiatare.

Dopo qualche tempo si udirono squilli di tromba. Stava arrivando, a caccia di avvoltoi, il Re con il capo-caccia e il seguito. Il capo-caccia preparò il fucile per il Re e Toio e i suoi compari si misero a debita distanza per non essere colpiti. Il Re sparò il primo colpo e uccise uno dei compari di Toio gettando lo scompiglio tra tutti gli altri.

“Com’é possibile che il tiro sia arrivato fin qui?”. Dicevano gli avvoltoi mentre si allontanavano di gran carriera.

Il Re, che stava usando un fucile nuovo che tirava più lontano e poteva sparare più colpi di seguito, riprese immediatamente la mira per colpire questa volta lo stesso Toio. In quell’istante Chetto, da dove volteggiava, si lanciò come una meteora sul Re sfiorandogli la corona per poi risalire come un razzo verso il cielo. Questa manovra fece sbagliare la mira al Re e salvò la vita a Toio.

A67D9DF0-B7F3-4347-A7CC-FC4B3E2072CCUna volta partito il Re, dispiaciuto di non avere ucciso un altro avvoltoio – gli altri avvoltoi erano intanto fuggiti molto lontano – Toio convocò Chetto per ringraziarlo di avergli salvato la vita.

“Hai dimostrato lealtà verso di noi e in particolare verso me e meriti una ricompensa. Cosa desideri?”

“Tornare a casa, sempre che non vi dispiaccia.”

“Siamo ormai abituati a te e ci spiace molto. Ma capiamo che per te è giunto il momento di fare ritorno a casa. Ti mostrerò io stesso il passaggio attraverso la nebbia per il rientro”.

Chello ringraziò molto Toio, entrò nella nebbia e, seguendo le sue istruzioni, la attraversò e raggiunse il mare, di fronte alla pianura, e al lago dove aveva sempre vissuto.

Mentre sorvolava il mare incontrò Betto che, appena lo vide, si mise a fuggire. Ma Chello lo chiamò con stridi amichevoli e gli disse. “Non ti devi preoccupare, ho imparato che gli uccelli non si cacciano tra di loro perché sono amici. Un amico è la cosa più preziosa che tu possa avere ed è la cosa migliore che tu possa essere”.

951FA92B-9B2C-46F5-8DDA-CD37F8C98FFF

Il portafoglio


Racconto inedito pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti. Trae spunto da un fatto realmente accaduto qualche anno fa. Durante un viaggio in treno in uno scompartimento di prima classe, un manager è costretto ad assistere alle effusioni di una giovane coppia distesa comodamente sul divano opposto al suo. Dopo avere bevuto un caffè bollente servito da uno strano addetto, cade addormentato. Al risveglio il portafoglio e la coppia sono scomparsi. Chi l’avrà alleggerito. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Il portafoglio

Giorgio, un manager milanese quarantacinquenne, era di ritorno da Buenos Aires via Francoforte e Zurigo dove avrebbe preso il treno per Milano. Era stato a Buenos Aires per la chiusura di un contratto con un gruppo alimentare americano con importanti attività in Argentina. Lì era rimasto il suo vice, ingegnere, per concordare gli allegati tecnici. Era febbraio, in quei giorni la pianura padana era avvolta dalla nebbia che impediva atterraggi e decolli all’aeroporto della Malpensa. Per questa ragione aveva deciso di prendere il treno da Zurigo a Milano. Il volo Lufthansa era partito da Buenos Aires alle 16.55 e, dopo lo scalo a Francoforte, era atterrato in orario a Zurigo, alle 17.20 del giorno seguente. Dall’aeroporto aveva raggiunto direttamente la stazione ferroviaria con il treno navetta. Il treno per Milano era partito puntuale alle 19.09. L’arrivo alla stazione centrale era previsto dopo circa quattro ore.

Salito sul treno, Giorgio entrò in uno scompartimento di prima classe dove si ritrovò ad essere l’unico passeggero. Sedette vicino al finestrino in direzione della marcia del treno. Ad Arth Goldau, la seconda stazione dopo la partenza, entrò nello scompartimento una coppia. Lei snella, sui trent’anni, bruna con una grande capigliatura nera. Lui, biondo, ben vestito, con una barba leggera e occhiali di tartaruga con montatura spessa. Entrati, salutarono, lui con un cenno del capo, lei con un sorriso, e posero voluminose e pesanti valigie sul ripiano portabagagli. Una volta seduti di fronte sul divano a tre posti, si misero a parlare sommessamente. Giorgio cercò di captare qualche parola per capire da dove venissero. L’atteggiamento della ragazza era di grande apprezzamento per le parole del compagno. Si abbracciarono e a poco a poco finirono distesi sul divano, una di fianco all’altro. All’inizio Giorgio segui distrattamente le loro effusioni poi, con un po’ di imbarazzo, soprattutto per la sfacciataggine, chiuse gli occhi e si mise a pensare alla moglie e ai figli ai quali aveva portato un regalino. Rilassato, si appisolò.

Subito dopo, così gli parve, arrivarono a Bellinzona dove il treno si fermò qualche minuto. Erano appena ripartiti quando la porta dello scompartimento si aprì e si affacciò un viso sorridente di colore ambrato che chiese gentilmente se qualcuno volesse un caffè. I due erano troppo impegnati per rispondere. Giorgio, che aveva cenato in aereo poco prima di arrivare a Francoforte e fatto uno spuntino sulla tratta Francoforte Zurigo, pensò che un caffè caldo gli avrebbe fatto bene. “Quale caffè?”, chiese. “Moka bello caldo”, fu la risposta. Giorgio accettò, prese il portafoglio dalla tasca interna caffè, pagò il caffè ma non poté berlo subito tanto era bollente. Lo fece raffreddare un po’ sul tavolino. Mentre sorseggiava il caffè la performance dei due passò a uno stadio più avanzato. Le carezze e le effusioni divennero più evidenti, al limite della decenza. Sempre più imbarazzato si mise a guardare fuori dal finestrino. Le montagne innevate scorrevano veloci davanti ai suoi occhi, illuminate dalla luna che le faceva scintillare. A poco a poco, con lo scorrere del paesaggio, il rumore ritmico delle ruote del treno sulle rotaie e il caffè caldo, si appisolò, nonostante facesse il possibile per non addormentarsi, e cadde in un sonno profondo.

Si svegliò di soprassalto quando il treno stava ripartendo da Lugano. Non si era neanche accorto che il treno si era fermato. I due libertini erano scomparsi, così come le loro voluminose valigie. Valigie? Alzò subito gli occhi per vedere se c’era ancora il suo trolley e, soprattutto, se non fosse scomparsa la borsa con i documenti. Tutto a posto, per fortuna! Si stava mettendo tranquillo quando si ricordò del portafoglio nella tasca interna della giacca. Era stato in dubbio se rimetterlo dopo avere pagato il caffè ma aveva pensato che sarebbe stato come dire ai due amanti “non mi fido di voi”. E non lo fece. Fece male, perché il portafoglio era scomparso. Fermò il capotreno che stava passando in quel momento, spiegò l’accaduto, fece presente i suoi sospetti nei confronti dei due passeggeri che erano con lui nello scompartimento. Il capotreno disse di averli visti scendere a Lugano e che, comunque, furti come quello che aveva subito erano all’ordine del giorno. Disse: “Molte volte i malintenzionati, una volta rubate le banconote, gettano il portafoglio nei cestini dei corridoi dei vagoni o dei bagni”. Poi aiutò Giorgio a cercare il portafoglio nei cestini del vagone, senza esito.

Arrivato a Milano alle 23.00, quasi in orario, andò a casa dove la moglie gli spiegò che era tutta colpa sua. Che ben gli stava. Non doveva bere il caffè offerto da un inserviente senza divisa. Poteva essere drogato. Non doveva tenere il portafoglio nella tasca interna della giacca appesa all’attaccapanni e, tantomeno, rimettervelo dopo avere acquistato il caffè. Avrebbe dovuto fregarsene dei due sporcaccioni. Il giorno seguente Giorgio sporse denuncia in Questura dove attese il suo turno con una moltitudine di persone che doveva denunciare, come lui, un furto. Gli avevano rubato ottocento dollari, qualche decina di euro, la patente, due carte di credito, la carta d’identità e la tessera sanitaria.

Due mesi dopo, quasi per miracolo, ricevette una telefonata dalla Questura. Lo si informava di avere ricevuto, tramite la polizia cantonale di Lugano, un portafoglio contenente un documento di identità a lui intestato. Non appena possibile, andò a ritirare il portafoglio. Non mancava nulla a parte i dollari e i pochi euro! All’appuntato che glielo stava consegnando, commentò: “Ho fatto bene a sporgere la denuncia!”. “Sì. Ma non creda. Il portafoglio le è stato restituito, senza banconote, solo perché è stato trovato presso la stazione ferroviaria di Lugano da un cittadino svizzero molto rispettabile che l’ha portato alla polizia cantonale”. “Evviva”, disse Giorgio, “ci sono ancora persone per bene!”.

Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato


E’ stato pubblicato da Youcanprint (www.youcanprint.it) il mio secondo libro di racconti intitolato Le chiavi di Portofino e altri racconti che riunisce racconti di contenuto vario, genuinamente prodotti dalla fantasia e basati su spunti di fatti realmente accaduti. Si può acquistare presso Youcanprint e, tra le altre, presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Feltrinelli, ibs.it.

Di seguito riporto la Premessa al libro.

Diciannove racconti inediti di vario genere dei quali cinque, i più corposi, occupano metà del libro. Il primo, intitolato Le chiavi di Portofino, è di genere poliziesco. Un furto inspiegabile viene risolto da un brigadiere dei carabinieri con l’aiuto del RIS e dei padroni di casa. Il monastero di Santa Caterina, secondo racconto, di genere storico, trae ispirazione dalla ricerca condotta su un monastero di clausura lombardo soppresso alla fine del ‘500. Il terzo racconto, Patagonia, è dedicato alla terra argentina di natura selvaggia e di paesaggi incredibili sotto un cielo sterminato di stelle che paiono caderti addosso. Il modello, il quarto, è frutto della fantasia con spunti e riferimenti tecnico-scientifici. Uno studente di fisica sperimenta con un modello la possibilità di mitigare la temperatura dell’atmosfera di una città utilizzando d’estate il freddo invernale e d’inverno il caldo estivo. La pranoterapia è il tema del quinto racconto, Il guaritore, tratto da esperienze e fatti di cronaca conditi dalla fantasia. Un avvocato si scopre pranoterapeuta e, nonostante l’opposizione della moglie, decide di cambiare professione e stile di vita.

Gli altri racconti traggono spunto da fatti realmente accaduti, a livello personale o di amici. Anche per questi, la fantasia è sempre presente, come il prezzemolo.

Patagonia, Il modello, e Tuoni e fulmini hanno ragazzi come co-protagonisti e sono idonei a essere considerati racconti tutorial.

Como. Lungo lago di notte


il dipinto digitale mostra la città di Como in una serata estiva, vista dalla località di Bignanico, posta di fronte alla città da cui è separata dal primo bacino del lago. Si notano le luci dei monumenti e degli edifici posti sul lungo lago: dal centro del dipinto andando a destra, Piazza Cavour, con la Cattedrale alle spalle, il Tempio Voltiano, il Monumento ai Caduti, lo Yacht Club. A sinistra, sulla montagna si vedono quattro luci allineate corrispondenti al percorso della Funicolare per Brunate. A destra, a mezza costa, si notano le luci della via Napoleona e della Stazione Centrale. All’orizzonte, a destra, si staglia il Castello Baradello.

Portofino. Panoramica


La fotografia, ottenuta con un iPhone settato nella posizione panoramica, è stata scattata una mattina dal monte di Portofino, al di sopra del cimitero. Anche se leggermente arrotondata, permette di apprezzare in pienezza la penisola di Portofino. A sinistra si nota la chiesa di San Giorgio, al centro il porto e il paese con le case variopinte da cui spunta il campanile della chiesa parrocchiale di San Martino. A destra, al di sopra delle ultime case del paese, nel verde della macchia mediterranea, si vede l’Hotel Splendido.

Tuoni e fulmini


o006_noseda_cover_15x21_25062018 copia

Racconto inedito pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di portofino e altri racconti. In primavera inoltrata, durante un temporale, un nonno si trova sulla terrazza con due nipoti che lo interrogano sulla pericolosità dei fulmini e sull’origine e propagazione dei tuoni, domande cui puntualmente risponde. Spiega loro anche come calcolare la distanza di caduta dei fulmini. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Tuoni e fulmini

Una terrazza di una casa di vacanze che domina un lago circondato da alte colline, in primavera inoltrata, stagione di forti temporali. Il paesaggio era di colore verde acceso poiché i prati, le piante e, in generale, la vegetazione, erano irrorati da frequenti piogge. Quel giorno, mentre il cielo era plumbeo verso nord est, a sud apparve una schiarita. La brezza assunse via via più forza fino a che le fronde degli alberi iniziarono a ondeggiare sotto la spinta delvento. Il lago si increspò con le ochette, piccole onde di grande frequenza. I primi goccioloni di pioggia batterono sulla terrazza come fossero proiettili. In lontananza, da dietro le montagne provenivano tuoni con rimbombi fragorosi. Un fulmine disegnò nel cielo una ragnatela incandescente. Dal paese sottostante, in riva al lago, giunse il suono di allerta delle campane per annunciare l’arrivo di un forte temporale.

Edoardo, un ragazzo di otto anni, ormai prossimo alle vacanze estive, seduto a fianco del nonno con la sorella Sofia, poco più grande di lui, domandò: “Nonno, qual è la differenza tra lampi e fulmini? Ho sentito che si chiamano anche saette”. “Pure baleni, folgori. Sono sinonimi, ovvero parole che hanno un significato sostanzialmente uguale a un’altra parola. Potete utilizzate indifferentemente tutti i sinonimi. Alcuni sono di uso comune, altri un po’ meno”. “Nonno, sono pericolose le saette?”, chiese Sofia, “A me fanno paura perché sembrano frustare l’aria. Anche i tuoni mi spaventano perché fanno un gran fracasso e mi prendono alla sprovvista”. “I fulmini sono pericolosi quando cadono vicini”, rispose il nonno. “Possono ridurre in cenere un essere vivente. Se foste colti da un forte temporale quando siete in montagna o in aperta campagna, non riparatevi sotto gli alberi, specialmente sotto pini o abeti, perché attirano i fulmini. Sfruttando il potere di attrazione delle punte, Beniamino Franklin, famoso scienziato americano vissuto nel ‘700, inventò il parafulmine, ovvero una punta di metallo capace di attrarre i fulmini e convogliarli nel terreno attraverso una grossa corda di rame”.

“Certe volte si odono tuoni fortissimi ma non si vedono i fulmini”, disse Edoardo.             “È vero”, rispose il nonno, “il fulmine si scarica nell’atmosfera propagandosi alla velocità della luce, che è di ben 300.000 chilometri al secondo. Poiché questa velocità é difficile da immaginare, per avere un’idea pensate alla circonferenza della terra che misura 40.000 km, mille volte la distanza tra Como e Milano. Bene, la luce in un secondo farebbe poco meno di otto volte il giro della terra!”. “Mamma mia”. “È incredibile”, commentarono i nipoti. “Invece il tuono”, continuò il nonno, “scaturisce quando il fulmine si scarica nell’atmosfera e si propaga nell’aria alla velocità di circa 350 metri al secondo. La velocità della luce è quindi quasi 1 milione di volte più elevata di quella del suono nell’aria. Ho detto nell’aria e non nel metallo perché la velocità del suono nel metallo, nell’acciaio, è più elevata di quella nell’aria”. “Quanto più elevata?”, chiese Sofia. “Quasi venti volte di più. Prova ad appoggiare l’orecchio a quella estremità del corrimano della ringhiera”. Poi rivolto al nipote disse: “Edoardo, colpisci l’altra estremità del corrimano con questa moneta”. Edoardo seguì le istruzioni. “Ora, Sofia, tu dovresti sentire, oltre al freddo del metallo, che il suono arriva al tuo orecchio prima attraverso il corrimano che non nell’aria”. “Nonno, posso provare anch’io?”, chiese Edoardo. “Certo. Sofia, prendi questo cucchiaino e colpisci il corrimano quando Edoardo appoggia l’orecchio. Tutto chiaro? Ora che l’esperimento è finito ritornate da me”. “Nonno, anche nei liquidi il suono va più veloce che nell’aria?”, domandò Edoardo. “Sì, nell’acqua il suono si propaga a una velocità pari a circa cinque volte quella nell’aria”. “Mi era sembrato, quando nuotavo in piscina”, commentò Edoardo.

“Tornando a tuoni e fulmini”, continuò il nonno, “quando vedete un fulmine, contate di seguito mille-uno, mille-due, mille-tre, e così via fino a quando udite il fragore del tuono. Dovete contare mille, seguito da un numero progressivo, perché mentre lo pronunciate passa suppergiù un secondo. Pensate che una volta gli artificieriutilizzavano un metodo simile quando facevano esplodere le mine. La miccia si consumava alla velocità di un centimetro ogni secondo, per cui gli artificieri, che conoscevano la lunghezza della miccia, contando allo stesso modo potevano conoscere quanto tempo avevano a disposizione per raggiungere il riparo. Ad esempio, se dopo avere visto il fulmine, arrivaste a contare mille-sette, ovvero 7 secondi, vorrebbe dire che il fulmine è caduto a una distanza in linea d’aria di circa 7 volte 350, ovvero 2.450 metri, circa 2,5 chilometri. Quindi dovreste stare tranquilli perché non sarebbe caduto così vicino”. “Ok, nonno, veramente molto interessante”, ripeté Edo-ardo. “Grazie, lo ricorderemo sempre quando assisteremo a un temporale”, confermò Sofia.