Tuoni e fulmini


o006_noseda_cover_15x21_25062018 copia

Racconto pubblicato nel libro intitolato Le chiavi di portofino e altri racconti. In primavera inoltrata, durante un temporale, un nonno si trova sulla terrazza con due nipoti che lo interrogano sulla pericolosità dei fulmini e sull’origine e propagazione dei tuoni, domande cui puntualmente risponde. Spiega loro anche come calcolare la distanza di caduta dei fulmini. Le chiavi di Portofino e altri racconti è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it. L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Tuoni e fulmini

Una terrazza di una casa di vacanze che domina un lago circondato da alte colline, in primavera inoltrata, stagione di forti temporali. Il paesaggio era di colore verde acceso poiché i prati, le piante e, in generale, la vegetazione, erano irrorati da frequenti piogge. Quel giorno, mentre il cielo era plumbeo verso nord est, a sud apparve una schiarita. La brezza assunse via via più forza fino a che le fronde degli alberi iniziarono a ondeggiare sotto la spinta delvento. Il lago si increspò con le ochette, piccole onde di grande frequenza. I primi goccioloni di pioggia batterono sulla terrazza come fossero proiettili. In lontananza, da dietro le montagne provenivano tuoni con rimbombi fragorosi. Un fulmine disegnò nel cielo una ragnatela incandescente. Dal paese sottostante, in riva al lago, giunse il suono di allerta delle campane per annunciare l’arrivo di un forte temporale.

Edoardo, un ragazzo di otto anni, ormai prossimo alle vacanze estive, seduto a fianco del nonno con la sorella Sofia, poco più grande di lui, domandò: “Nonno, qual è la differenza tra lampi e fulmini? Ho sentito che si chiamano anche saette”. “Pure baleni, folgori. Sono sinonimi, ovvero parole che hanno un significato sostanzialmente uguale a un’altra parola. Potete utilizzate indifferentemente tutti i sinonimi. Alcuni sono di uso comune, altri un po’ meno”. “Nonno, sono pericolose le saette?”, chiese Sofia, “A me fanno paura perché sembrano frustare l’aria. Anche i tuoni mi spaventano perché fanno un gran fracasso e mi prendono alla sprovvista”. “I fulmini sono pericolosi quando cadono vicini”, rispose il nonno. “Possono ridurre in cenere un essere vivente. Se foste colti da un forte temporale quando siete in montagna o in aperta campagna, non riparatevi sotto gli alberi, specialmente sotto pini o abeti, perché attirano i fulmini. Sfruttando il potere di attrazione delle punte, Beniamino Franklin, famoso scienziato americano vissuto nel ‘700, inventò il parafulmine, ovvero una punta di metallo capace di attrarre i fulmini e convogliarli nel terreno attraverso una grossa corda di rame”.

“Certe volte si odono tuoni fortissimi ma non si vedono i fulmini”, disse Edoardo.             “È vero”, rispose il nonno, “il fulmine si scarica nell’atmosfera propagandosi alla velocità della luce, che è di ben 300.000 chilometri al secondo. Poiché questa velocità é difficile da immaginare, per avere un’idea pensate alla circonferenza della terra che misura 40.000 km, mille volte la distanza tra Como e Milano. Bene, la luce in un secondo farebbe poco meno di otto volte il giro della terra!”. “Mamma mia”. “È incredibile”, commentarono i nipoti. “Invece il tuono”, continuò il nonno, “scaturisce quando il fulmine si scarica nell’atmosfera e si propaga nell’aria alla velocità di circa 350 metri al secondo. La velocità della luce è quindi quasi 1 milione di volte più elevata di quella del suono nell’aria. Ho detto nell’aria e non nel metallo perché la velocità del suono nel metallo, nell’acciaio, è più elevata di quella nell’aria”. “Quanto più elevata?”, chiese Sofia. “Quasi venti volte di più. Prova ad appoggiare l’orecchio a quella estremità del corrimano della ringhiera”. Poi rivolto al nipote disse: “Edoardo, colpisci l’altra estremità del corrimano con questa moneta”. Edoardo seguì le istruzioni. “Ora, Sofia, tu dovresti sentire, oltre al freddo del metallo, che il suono arriva al tuo orecchio prima attraverso il corrimano che non nell’aria”. “Nonno, posso provare anch’io?”, chiese Edoardo. “Certo. Sofia, prendi questo cucchiaino e colpisci il corrimano quando Edoardo appoggia l’orecchio. Tutto chiaro? Ora che l’esperimento è finito ritornate da me”. “Nonno, anche nei liquidi il suono va più veloce che nell’aria?”, domandò Edoardo. “Sì, nell’acqua il suono si propaga a una velocità pari a circa cinque volte quella nell’aria”. “Mi era sembrato, quando nuotavo in piscina”, commentò Edoardo.

“Tornando a tuoni e fulmini”, continuò il nonno, “quando vedete un fulmine, contate di seguito mille-uno, mille-due, mille-tre, e così via fino a quando udite il fragore del tuono. Dovete contare mille, seguito da un numero progressivo, perché mentre lo pronunciate passa suppergiù un secondo. Pensate che una volta gli artificieriutilizzavano un metodo simile quando facevano esplodere le mine. La miccia si consumava alla velocità di un centimetro ogni secondo, per cui gli artificieri, che conoscevano la lunghezza della miccia, contando allo stesso modo potevano conoscere quanto tempo avevano a disposizione per raggiungere il riparo. Ad esempio, se dopo avere visto il fulmine, arrivaste a contare mille-sette, ovvero 7 secondi, vorrebbe dire che il fulmine è caduto a una distanza in linea d’aria di circa 7 volte 350, ovvero 2.450 metri, circa 2,5 chilometri. Quindi dovreste stare tranquilli perché non sarebbe caduto così vicino”. “Ok, nonno, veramente molto interessante”, ripeté Edo-ardo. “Grazie, lo ricorderemo sempre quando assisteremo a un temporale”, confermò Sofia.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...