Il Falco e il Gabbiano


img_20171212_0002-3

La favola fa parte del libro Dieci nuove favole illustrate. Narra la storia di un falco di lago che si perse nella nebbia inseguendo un gabbiano in riva al mare. Trovata la via d’uscita, giunse a un deserto abitato da avvoltoi che lo fecero prigioniero. Un giorno, durante la caccia del Re, salvò la vita al capo degli avvoltoi e, come premio, gli venne ridata la libertà. Sulla via del ritorno al lago incrociò il gabbiano e, questa volta, forte della sua recente esperienza, non lo insegui ma lo trattò come un amico. Dieci nuove Favole illustrate è disponibile in edizione cartacea ed eBook presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it, L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Il Falco e il Gabbiano

Personaggi: Il falco: Chetto; Il gabbiano: Betto; Il capo degli avvoltoi: Toio; il Re

C’era una volta un falco che volteggiava sulle colline e sulla pianura in riva al mare.

I falchi sono uccelli rapaci che cacciano per nutrirsi sia piccoli animali che vivono nelle pianure e sulle montagne, sia uccelli in volo. Per cacciare le prede a terra rimangono immobili nell’aria sfruttando le correnti; dopo avere avere adocchiato una preda, si buttano in una velocissima picchiata favorita dal loro corpo a forma d’aereo, con ali lunghe e appuntite e una lunga coda.

Il nostro falco vide un gabbiano, un bellissimo uccello bianco che quando è in volo sembra un aliante, e si mise a seguirlo per cacciarlo e abbatterlo.

Il gabbiano ha un bel becco giallo, lungo e robusto, e zampe palmate come le papere e tutti gli uccelli acquatici. Vive in colonie e costruisce il nido lungo le coste del mare e dei laghi. Si nutre di pesci, uova e avanzi. Gli piacciono anche gli insetti grandi, come le libellule, e piccoli, come le formiche volanti, e i vermi.

Il gabbiano Betto, con un volo veloce ma non come quello del falco che lo inseguiva, aumentò al massimo la velocità e si buttò a capofitto in un banco di nebbia che si trovava sopra il mare. Il falco seguì il gabbiano come un razzo ma, una volta entrato nella nebbia, perse l’orientamento, e non capì più dove si trovava e dove stava andando. Dopo avere vagato inutilmente, all’improvviso vide un chiarore e capì che poteva uscire dalla nebbia. Uscì e si trovò sopra un deserto, con rocce e sabbie rossastre. Spaesato, atterrò e, subito dopo, fu avvicinato da un avvoltoio.

Gli avvoltoi sono grandi uccelli rapaci che non hanno piume sulla testa e sul collo e hanno le zampe coperte di penne fino alle caviglie. Hanno artigli che, a differenza di altri uccelli rapaci, come il falco, non sono aguzzi ma arrotondati, più adatti per camminare che per afferrare le prede.

L’avvoltoio disse al falco:

EC2C0CFD-B384-4D70-BDC6-E90798701D8D.jpeg

“Mi chiamo Toio, questa zona è sotto il controllo mio e dei miei compari che vedi su quell’albero. Dimmi chi sei, da dove vieni e perché sei qui”.

C47A9183-6E96-437A-B360-2BEEFAB238D5.jpeg“Il mio nome è Chetto, sono un falco di lago, vengo dalla pianura, che si trova al di là della nebbia, dopo avere attraversato il mare. Non riesco a ritornare a casa, nonostante i miei tentativi. Sono qui per caso: stavo cacciando un gabbiano e senza accorgermi sono stato avvolto dalla nebbia da cui sono uscito seguendo un chiarore”.

“Sei sicuro di ciò che stai dicendo? Non racconti frottole? Magari sei venuto a caccia di topi del deserto e di animaletti simili che so che vi piacciono molto!”.

“Assolutamente no, è come ti ho detto. Non voglio rimanere qui ma tornare a casa”.

“Per ora non se ne parla. Rimarrai qui con noi per deliziarci con i tuoi volteggi e picchiate. Noi siamo uccelli pesanti e un po’ goffi e non abbiamo la tua abilità nel volo”-

A sentire questo Chetto si rattristò ma, non avendo alternative, dovette accettare senza fiatare.

Dopo qualche tempo si udirono squilli di tromba. Stava arrivando, a caccia di avvoltoi, il Re con il capo-caccia e il seguito. Il capo-caccia preparò il fucile per il Re e Toio e i suoi compari si misero a debita distanza per non essere colpiti. Il Re sparò il primo colpo e uccise uno dei compari di Toio gettando lo scompiglio tra tutti gli altri.

“Com’é possibile che il tiro sia arrivato fin qui?”. Dicevano gli avvoltoi mentre si allontanavano di gran carriera.

Il Re, che stava usando un fucile nuovo che tirava più lontano e poteva sparare più colpi di seguito, riprese immediatamente la mira per colpire questa volta lo stesso Toio. In quell’istante Chetto, da dove volteggiava, si lanciò come una meteora sul Re sfiorandogli la corona per poi risalire come un razzo verso il cielo. Questa manovra fece sbagliare la mira al Re e salvò la vita a Toio.

A67D9DF0-B7F3-4347-A7CC-FC4B3E2072CCUna volta partito il Re, dispiaciuto di non avere ucciso un altro avvoltoio – gli altri avvoltoi erano intanto fuggiti molto lontano – Toio convocò Chetto per ringraziarlo di avergli salvato la vita.

“Hai dimostrato lealtà verso di noi e in particolare verso me e meriti una ricompensa. Cosa desideri?”

“Tornare a casa, sempre che non vi dispiaccia.”

“Siamo ormai abituati a te e ci spiace molto. Ma capiamo che per te è giunto il momento di fare ritorno a casa. Ti mostrerò io stesso il passaggio attraverso la nebbia per il rientro”.

Chello ringraziò molto Toio, entrò nella nebbia e, seguendo le sue istruzioni, la attraversò e raggiunse il mare, di fronte alla pianura, e al lago dove aveva sempre vissuto.

Mentre sorvolava il mare incontrò Betto che, appena lo vide, si mise a fuggire. Ma Chello lo chiamò con stridi amichevoli e gli disse. “Non ti devi preoccupare, ho imparato che gli uccelli non si cacciano tra di loro perché sono amici. Un amico è la cosa più preziosa che tu possa avere ed è la cosa migliore che tu possa essere”.

951FA92B-9B2C-46F5-8DDA-CD37F8C98FFF

L’ape e la farfalla


La favola fa parte del libro Dieci nuove favole illustrate presentato in un precedente articolo. Narra la storia dellamicizia tra una bella farfalla e un’ape operaia che si incontrano sulla corolla di un fiore. Mentre si raccontano le loro esperienze di vita, la farfalla viene attaccata dal capo di uno sciame di vespe. L’ape gli va incontro, lo trafigge e lo uccide, sapendo che non potrà estrarre il suo pungiglione se non a spese della propria vita. Il capo dello stormo di api, giunto in soccorso, commemora il gesto della valorosa ape operaia che ha salvato la vita alla bella farfalla.

Dieci nuove Favole illustrate è disponibile in edizione cartacea ed eBook presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it, L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

L’ape e la farfalla

Personaggi: la Farfalla: Lalla; l’Ape: Maya; una Vespa; il Comandante dello stormo delle api

C’era una volta una farfalla variopinta che si era posata su un fiore proprio mentre un’ape stava succhiando il nettare dal fiore. La farfalla era nata da poco tempo e non conosceva ancora il mondo e, tantomeno le api, mentre l’ape conosceva le farfalle che vedeva spesso sulle corolle dei fiori. La farfalla si rivolse all’ape e disse:

“Cara amica, mi chiamo Lalla, sono nuova del mondo e conosco poco o niente della vita. Potresti dirmi chi sei?”

“Cara farfalla, poiché sei bella e hai ali di magnifici colori gialli e marroni, ti dirò chi sono. Mi chiamo Maya, sono un’ape operaia che raccoglie il nettare per produrre il miele che piace molto ai bambini e che fa molto bene perché cura tante malattie”

“Hai detto di essere un’ape operaia. Esistono altri tipi di api?”, chiese Lalla.

“Sì, siamo organizzate in una società, proprio come gli uomini. Ci sono api che lavorano per raccogliere il cibo, come me, quelle che badano all’alveare, la nostra casa, quelle che seguono la produzione del miele e altre che curano le riserve di cibo (polline e miele). Siamo governati da un regina, molto più grossa di me, che con le sue uova genera tutte le nuove api dell’alveare. Ci sono anche api che seguono le uova e le larve, i nostri bebè”

“Molto interessante”, rispose Lalla, “purtroppo non conosco ancora molto di noi farfalle ma non mi pare che abbiamo un’organizzazione come la vostra. Anch’io però sono nata larva. Poi, diventata bruco, ho mangiato tante foglie e, a un certo momento, mi sono rinchiusa in un bozzolo, un guscio simile a quello di una nocciolina americana, appeso a un ramo. Dopo un po’ ho sentito un grande desiderio di uscire dal bozzolo e, facendo sforzi di ogni tipo, sono riuscita a farlo. Sono uscita tutta bagnata, il sole mi ha asciugato e ora … eccomi qui”.

A questo punto il colloquio fu interrotto da una vespa che scese in picchiata sul fiore dove si trovavano Lalla e Maya per poi risalire verso il cielo e ridiscendere in picchiata un’altra volta. Al primo momento la farfalla si spaventò poi, credendo fosse un’altra ape domandò a Maya il perché di quelle acrobazie. Maya tranquillizzò Lalla dicendole che non era un’ape ma una vespa, insetto simile all’ape ma di un’altra famiglia. Allora Lalla chiese a Maya di spiegare la differenza tra le api e le vespe.

Per tutta risposta Maya lanciò un messaggio alla vespa dicendole di smettere di fare la gradassa perché le sue picchiate avevamo spaventato la farfalla, sua grande amica. La vespa rispose come un pilota d’aereo “Ok, ricevuto, abbandono” e scomparve rapidamente dalla loro vista.

Dopo di ciò Maya disse a Lalla: “Vuoi conoscere la differenza tra api e vespe, nostre cugine alla lontana. Eccoti accontentata: le api e le vespe sono molto simili, sia per l’aspetto sia perché entrambe le famiglie di cui fanno parte sono organizzate in società. Mentre la società delle vespe dura un anno – dalla primavera all’autunno – la nostra società dura anni, anche se ogni anno cambia la regina. Tra parentesi, anche le vespe hanno una regina. Per quanto riguarda l’aspetto simile: le vespe hanno un corpo liscio a strisce nere e giallo oro, e noi, come vedi, abbiamo un corpo peloso a strisce nere e giallo scuro”.

Poi Maya proseguì dicendo: “Per difenderci, entrambe usiamo un pungiglione. Quello delle vespe è liscio, per cui entra ed esce facilmente dalla puntura. Il pungiglione delle api, invece, ha degli uncini che lo trasformano in una specie di arpione che non si sfila ma rimane infilato nella puntura. Al punto che l’ape, per liberarsi, deve strappare la parte inferiore del corpo dove si trova il pungiglione e così muore poco dopo.

Improvvisamente, mentre Lalla ringraziava Maya della spiegazione e le confermava la sua amicizia, sopra di loro apparve uno sciame di vespe a forma di triangolo guidato da una vespa più grossa. Maya si guardò in giro e vide un’amica operaia che stava impollinando un fiore e le chiese di andare all’alveare a chiedere aiuto. Subito dopo arrivò uno stormo di api che si gettò sullo sciame di vespe per respingere l’attacco. Il capo dello sciame di vespe si staccò dalle altre per precipitarsi in picchiata a colpire la farfalla. Maya, che era rimasta sulla corolla del fiore per difendere Lalla dallo sciame di vespe,volò incontro al capo delle vespe e lo trafisse con il pungiglione. I due caddero sulla corolla del fiore, il capo delle vespe morto e Maya con il pungiglione infilato nel suo corpo. Maya sapeva che sarebbe morta se si fosse staccata dal suo pungiglione. Parlò a Lalla dicendole:

“Cara amica, sebbene ci siamo conosciute da poco ho capito che sei una brava farfalla e meriti di vivere. Io, purtroppo, non potrò continuare a vivere ma sono felice di averti conosciuto e salvato la vita”.

Nel frattempo lo stormo delle api aveva sconfitto lo sciame delle vespe che era fuggito abbandonando il campo di battaglia. Il comandante dello stormo delle api si posò sul fiore e disse:

“Onore all’ape Maya, grande lavoratrice e valorosa guerriera. Tu, bella farfalla, devi essere riconoscente a Maya che ti ha salvato la vita a costo della sua”. Poi, parlando per proverbi, il comandante disse: “Ricordati farfalla: chi trova un amico trova un tesoro e gli amici si conoscono nel momento del bisogno. Quindi l’amicizia è un bene che va coltivato sempre”.

L’attacco delle Vespe


L’illustrazione digitale é tratta dalla favola L’Ape e la Farfalla che fa parte del libro Dieci nuove favole illustrate. La favola narra la storia di una farfalla che incontra un’ape operaia su un fiore variopinto. Mentre le due stanno facendo conoscenza sopraggiunge una vespa che cerca di molestare la farfalla. L’ape reagisce e fa allontanare la vespa che però, subito dopo, torna alla carica con uno sciame di vespe guidate da un capo. L’ape, per proteggere l’amica farfalla, attacca il capo delle vespe e lo uccide con il proprio pungiglione decretando così la sua stessa fine. I due cadono sul fiore dove il capo delle api, sopraggiunto nel frattempo con uno sciame in difesa della sua operaia, ne inneggia il grande coraggio ed esalta la virtù dell’amicizia.

Dieci nuove favole illustrate è stato pubblicato ed è disponibile presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it,