Le Triglie innamorate


La storia fa parte del libro Dieci nuove favole illustrate. Narra la storia di due triglie, una di scoglio e l’altra di fango, che si innamorano. Osteggiate dai genitori, si rivolgono al vecchio Polpo saggio che le aiuta a fuggire lontano cavalcando un’enorme Manta. Giunte a una scogliera accogliente vengono sposate da un magnifico Paguro Bernardo. Lì passano una felice luna di miele. Qualche tempo dopo decidono di tornare a casa senza però utilizzare i servizi della Manta. Non l’avessero mai fatto! Incappano nella rete di un Peschereccio e vengono gettate nella stiva con un gran numero di sarde. Da lì, per miracolo, riescono a fuggire attraverso lo scarico a mare dell’acqua della stiva. Raggiungono così, un po’ malconce, ma salve, la loro scogliera, accolte dai genitori felici di saperli vivi e … sposati.

Dieci nuove Favole illustrate è disponibile in edizione cartacea ed eBook presso Youcanprint. Inoltre si può trovare presso Amazon e, tra le altre, le librerie online e fisiche di Mondadori, Hoepli, Feltrinelli, ibs.it, L’editing del racconto è differente da quello del libro a causa dei diversi programmi di scrittura.

Le Triglie innamorate

Personaggi

La Triglia di scoglio: Romy – La Triglia di fango: July

Il Polpo saggio: Poldo – Il Paguro Bernardo

La Manta: Bata – Il Peschereccio

C’era una volta una Triglia di scoglio, di nome Romy, che viveva con i genitori su una bellissima scogliera. Romy era innamorata di July, una bellissima Triglia di fango, che ricambiava il suo amore. Le due Triglie innamorate avevano però un grosso problema perché, pur essendo della stessa famiglia, erano di due specie diverse, una di scoglio e l’altra di fango.

Le Triglie di scoglio si consideravano più importanti di quelle di fango che ritenevano di seconda categoria. Sebbene July fosse bellissima, il padre di Romy non voleva che si incontrasse con lei. Voleva invece che frequentasse le Triglie figlie degli amici di scoglio, che a Romy non piacevano.

Romy desiderava sposare July ma non sapeva come fare. Pensò di chiedere aiuto al vecchio Polpo saggio che viveva sulla scogliera. Il Polpo, non essendo un pesce ma un mollusco – pur di grandi dimensioni -, non doveva avere problemi nel dare un consiglio imparziale. Romy e July si recarono dal vecchio Polpo. Al primo momento non riuscirono a trovarlo perché, non avendo scheletro, il Polpo poteva prendere qualsiasi forma e nascondersi nelle fessure della scogliera. Il vecchio Polpo, di nome Poldo, era noto per la saggezza e l’intelligenza: si diceva che fosse riuscito ad aprire un barattolo dimenticato sugli scogli per cibarsi del contenuto e addirittura che, una volta pescato da un peschereccio, fosse tornato in libertà fuggendo da un boccaporto.

“Saggio Polpo”, iniziò Romy, “come forse saprai, July e io siamo innamorati e vorremmo sposarci. I miei genitori, però, non vogliono perché dicono che non siamo della stessa specie. Cosa consigli?”

“Conosco la vostra storia, cari ragazzi, e capisco perché tu voglia sposare July che è una magnifica Triglia. Vi consiglio di fuggire lontano, sposarvi segretamente e fare ritorno dopo un bel po’ di tempo. Vedrete che tutto si accomoderà” “Grazie del consiglio. Ma come faremo a fuggire lontano?”, risposero insieme Romy e July.

“Conosco una Manta, di nome Bata, che vi potrebbe dare un passaggio. È sicuramente la soluzione migliore, rapida e diretta. Vi metterò in contatto con il Pesce Siluro che fa da collegamento con lei e può anche organizzare il vostro sposalizio alla presenza del Paguro Bernardo”. Le due Triglie ringraziarono il Polpo saggio e si prepararono in segreto a fuggire.

Due giorni dopo raggiunsero il luogo convenuto per l’incontro con la Manta. Arrivò Bata, un pesce cartilagineo – senza ossa – gigantesco, che misurava almeno 6 metri di larghezza e pesava quasi una tonnellata (quanto un’automobile). Romy e July le montarono in groppa e Bata partì come un razzo buttandosi nella profondità del mare. Dopo un viaggio non breve, la Manta risalì verso la superficie del mare e le due Triglie videro una scogliera del tutto simile a quella in cui avevano vissuto fino a qualche giorno prima.

Ringraziata la Manta, lì si fermarono. Il giorno seguente il Paguro Bernardo sposò le due Triglie innamorate, molto felici.

Il Paguro Bernardo è un crostaceo – come i granchi ma senza corazza . Ha il corpo molle e per proteggersi usa conchiglie abbandonate. Si muove sul fondo del mare trascinando la conchiglia dove entra quando avverte un pericolo ed esce non appena la situazione ritorna tranquilla.

Le due Triglie innamorate passarono la luna di miele presso la nuova scogliera dove poterono godere dei suoi bei colori e delle fessure per giocare a nascondino.

Un giorno decisero di ritornare dai loro genitori, come aveva suggerito il vecchio Poldo, e di non utilizzare i servizi di Bata, anche se la Manta aveva detto loro di essere a disposizione. Intrapresero pertanto il lungo viaggio da sole guidate dall’istinto che hanno i pesci per ritrovare il luogo dove sono nati.

Ad un certo punto del viaggio si unirono a un gruppo di Sarde che facevano la stessa strada. Non l’avessero mai fatto! Incapparono nella rete di un Peschereccio che li ghermì insieme a un grande numero di Sarde. Una volta pescati, furono scaricati nella stiva del Peschereccio con tutti gli altri pesci, agitatissimi. Romy cercò subito July tra le Sarde e fortunatamente la trovò. Poi si ricordò di quanto aveva sentito sulla fuga di Poldo dal boccaporto di un peschereccio e, prima che fosse troppo tardi, disse a July di seguirlo, dando grandi colpi di coda, per avvicinarsi allo scarico in mare dell’acqua di lavaggio della stiva. Lì giunti, con uno sforzo estremo Romy aiutò July a scivolare in mare. Subito dopo la seguì, sospinto da due provvidenziali secchiate d’acqua gettate da un marinaio per lavare la stiva.

Così Romy e July si ritrovarono in mare un po’ malconci ma ancora vivi. Nuotando, non velocemente ma con costanza, e stando attente ai predatori, le due Triglie raggiunsero alla fine la loro scogliera dove incontrarono i genitori felici di saperli vivi e …. sposati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...